Commercio estero, in maggio export in calo del 34%, avanzo di 199 milioni

Le misure adottate per arrestare la diffusione del coronavirus si sono riflesse in modo significativo sulle importazioni e sulle esportazioni della Slovacchia anche in maggio, secondo quanto riferito giovedì dall’Ufficio di Statistica slovacco. Le esportazioni di beni a maggio sono state pari a 4,595 miliardi di euro, con un decremento su base annua del 33,9%. D’altro canto, l’import di beni e servizi è calato del 35,8% a 4,396 miliardi, concludendo il mese con un avanzo di 199,6 milioni di euro, oltre il doppio del risultato di un anno prima. Nel periodo gennaio-maggio 2020, rispetto al periodo corrispondente dell’anno scorso, l’esportazione totale di merci è diminuita del 20,1% a 27,363 miliardi di euro e le importazioni totali sono scese del 16,7% a 27,928 miliardi. La bilancia del commercio estero nei primi cinque mesi di quest’anno risulta dunque in deficit per un importo di 565,4 milioni di euro.

Nel precedente mese di aprile le esportazioni di beni sono calate di oltre il 45% su base annua, mentre le importazioni sono state del 39,3% in meno rispetto all’aprile 2019, con un disavanzo della bilancia commerciale di 460,4 milioni di euro. Nei primi quattro mesi dell’anno il commercio estero aveva registrato un rosso di 765 milioni di euro, con l’export in calo del 16,5% a 22,768 miliardi di euro e importazioni in regressione del 11,8% a 23,533 miliardi di euro.

(Red)

Foto distel2610 CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.