Trenta milioni di euro in sussidi a sostegno dell’agricoltura specializzata

La produzione specializzata di coltivazioni agricole e il settore dell’allevamento potranno beneficiare di sussidi statali per una somma complessiva di 30 milioni di euro, destinati ad aumentare l’autosufficienza del Paese. Il sostegno pubblico riguarda principalmente alcuni tipi selezionati di frutta, verdura, legumi, patate, barbabietole da zucchero, semi oleosi come papavero o lino, nonché luppolo, viti e piante medicinali.

Il progetto Zelená nafta (“Gasolio verde”) prevede aiuti da parte dell’Agenzia per i pagamenti agricoli (PPA) sotto forma di rimborso di una parte dell’accisa sui carburanti, calcolato sulla base del consumo di carburante standardizzato per un ettaro di una specifica coltura agricola e per numero di animali allevati (bovini, suini, ovini, equini, pollame e api). Ad esempio, nel caso del pollame, il sussidio sarà calcolato ogni mille animali.

Gli agricoltori che ancora non si sono registati nel DataCenter potranno richiedere l’attivazione dell’account entro il 7 agosto 2020, presentando domanda in via elettronica. Coloro che hanno invece modificato i propri dati rispetto allo scorso anno dovranno aggiornarli prima di presentare la richiesta di sussidio. Lo ha comunicato Daniel Hrežík del Dipartimento di Comunicazione e Marketing del Ministero dell’agricoltura e dello sviluppo rurale, spiegando che “lo scopo della digitalizzazione è di semplificare e rendere più trasparente la gestione del sussidio sia da parte dei richiedenti che da parte dell’Agenzia per i pagamenti agricoli.”

Hrežík ha anche precisato che la registrazione sul portale dedicato non sostituisce la regolare presentazione della domanda di sussidio, che andrà inoltrata utilizzando il bando che sarà pubblicato sul sito web della PPA.

Il portale per la registrazione è disponibile a questo link.

(P.F.)

Foto: mpsr.sk

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.