Covid-19, Matovič: se serve riapriamo i centri di quarantena statali

Dopo un aumento registrato martedì dei casi di infezione da Covid-19, il capo del governo Igor Matovič ha detto ieri di non escludere la reintroduzione della quarantena statale obbligatoria per chi rientra dall’estero allo scopo di circoscrivere la diffusione del virus. «Dobbiamo essere preparati, e siamo pronti a reintrodurre misure restrittive» e misure «che proteggeranno tutti i residenti in Slovacchia», ha osservato parlando ai giornalisti. Il primo ministro ha constatato che la e-Karanténa, cioè l’applicazione mobile per una quarantena “intelligente” lanciata il mese scorso, si è rivelata «drammaticamente meno efficace» della quarantena statale obbligatoria nei centri controllati dallo Stato. Matovič ha indicato i nuovi casi da paesi stranieri e il rischio di una seconda ondata di coronavirus.

Dal 10 giugno il governo, su decisione dell’Autorità sanitaria nazionale, ha cancellato la quarantena statale obbligatoria e la cosiddetta quarantena smart. Chi entra nel paese proveniendo da un paese estero che non è ricompreso nell’elenco dei 19 Stati bollati come “sicuri” deve andare in quarantena domestica fiduciaria, sotto il controllo dell’ufficio regionale dell’Autorità di salute pubblica slovacca (ÚVZ).

La situazione dei contagi in Slovacchia

Martedì 16 giugno sono state nove le persone trovate infette da Covid-19, uno dei numeri più alti nelle ultime settimane.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Ieri in Slovacchia è stato registrato un solo nuovo caso di malattia (nella regione di Banská Bystrica), portando il numero totale di infetti dall’inizio della crisi a 1.562. Mercoledì sono stati 787 i test effettuati, e il numero totale di esami (tamponi) realizzati finora per Covid è salito a 199.567. Fino a ieri sera sono 1.443 i pazienti guariti dal virus (6 ieri), mentre i decessi sono fermi a 28. Al momento i pazienti ancora positivi sono scesi a 91.

Le persone ricoverate in ospedale sono ancora 20: in due casi con diagnosi confermata di Covid-19, mentre gli altri sono in attesa dei risultati dell’esame. La mediana mobile nei sette giorni, che era scesa a zero casi, è risalita negli ultimi giorni e ora è ferma a 3.

(La Redazione)

Foto FB/MVSR

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.