Pubblica amministrazione, schermaglie nel governo sulle nomine

Matovič ha ribadito ieri in un intervento su TV Markíza quanto detto alcuni giorni fa sulle nomine agli uffici distrettuali. I 72 capi degli uffici distrettuali saranno nomine politiche del partito OĽaNO, sotto il controllo del ministro degli Interni, mentre tutti gli altri posti subordinati saranno occupati mediante una procedura di selezione trasparente. Matovič insiste su questa posizione, e ha confermato che intende solo sostituire 72 persone, non le intere strutture distrettuali della pubblica amministrazione, e che il secondo partito della coalizione, Sme Rodina, non avrà le nomine degli uffici per l’edilizia.

Dal presidente del Parlamento e di Sme Rodina Boris Kollár era arrivata nei giorni scorsi questa rivendicazione, basata sul fatto che spetti a lui decidere le direzioni degli uffici per l’edilizia in quanto è competenza del suo partito il ministero dei Trasporti e Costruzioni.

Secondo il ministro dell’Istruzione Branislav Gröhling (SaS) esiste già un accordo in tutta la coalizione sulla procedura da seguire. E il ministro degli Interni Roman Mikulec (OĽaNO) ha detto che «in linea di massima l’accordo è che i capi saranno nominati da OĽaNO, ma non saranno solo persone connesse con il partito».

Matovič afferma che finalmente, dopo 70 anni sarà possibile de-politicizzare la cariche direttive nella pubblica amministrazione. «Penso che sia un obiettivo trasparente e molto nobile. Finora era consuetudine che i partiti politici sostituissero anche decine di migliaia di persone nell’amministrazione statale dopo aver vinto le elezioni. Mentre noi, come abbiamo detto, sostituiremo solo 72 persone, che saranno una “longa manus” del ministro degli Interni», mentre le altre nomine subordinate saranno apolitiche e basate sulle competenze. Le persone che sono lì oggi, sostiene il premier, «hanno la loro unica legittimità dal fatto di essere del partito giusto». Ma noi ribalteremo il principio, ha detto. La questione ha suscitato malumori nella maggioranza, che è composta da quattro partiti non sempre in linea sulle questioni di principio. Secondo il primo ministro da settimane arrivano richieste di nomine per persone spinte da diversi partiti, cosa a cui lui intende opporsi con tutte le sue forze.

(Red)

Foto minv.sk

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.