Viaggi da e verso la Slovacchia: nuove regole dal 2 giugno

Martedì 2 giugno sono state apportate alcune modifiche alle norme che regolano i viaggi da e verso la Slovacchia. Queste sono, in sintesi, le novità principali.

Viaggi verso la Slovacchia

A partire dal 2 giugno, anche gli slovacchi che non hanno residenza permanente o temporanea nella Repubblica Ceca o in Ungheria possono entrare nella Repubblica Slovacca per 48 ore senza essere sottoposti a quarantena. Tuttavia, devono fornire prova della residenza in questi due Paesi mediante uno dei seguenti documenti: tessera sanitaria, contratto di locazione, contratto di lavoro, accordo di lavoro, conferma del datore di lavoro, atto di proprietà di un immobile, licenza commerciale, ricevuta del pagamento di bollette, conferma dell’apertura di un conto bancario, contratto assicurativo. Inoltre, è obbligatorio scaricare un modulo dal sito web del Ministero degli Interni, compilarlo e mostrarlo alla polizia che esegue i controlli ai valichi di frontiera.

A partire dal 2 giugno, il transito attraverso il territorio slovacco, senza previo consenso del ministero degli Interni, è consentito anche ai cittadini degli Stati membri dell’UE (e ai loro famigliari) che fanno ritorno a casa. In questo caso, sarà sufficiente esibire alla frontiera un documento di viaggio valido (documento di identità o passaporto). Il transito attraverso la Slovacchia di persone che hanno la residenza permanente o temporanea in uno degli Stati membri dell’UE è ancora soggetto all’approvazione del ministero degli Interni slovacco, da richiedere almeno 2 giorni lavorativi prima del viaggio. La domanda può anche essere inviata direttamente all’indirizzo e-mail corona.transit@minv.sk, insieme al permesso di soggiorno scannerizzato. In entrambi i casi, i viaggiatori devono attraversare senza sosta il territorio slovacco, entro e non oltre 8 ore dall’ingresso, incluso il tempo necessario per il rifornimento di carburante.

L’accesso alla Slovacchia è consentito solo attraverso i valichi di frontiera aperti. L’elenco è disponibile in questo sito web del Ministero dell’Interno.

Ulteriori informazioni sono disponibili sulle pagine Facebook del Ministero degli Interni e della Polizia della Repubblica Slovacca.

Viaggi dalla Slovacchia

I cittadini slovacchi e gli stranieri con residenza permanente o temporanea in Slovacchia possono recarsi in sei Paesi – Polonia, Austria, Croazia, Slovenia, Svizzera e Germania, oltre alla Repubblica Ceca e all’Ungheria – per un periodo massimo di 48 ore senza doversi sottoporre a quarantena obbligatoria al momento del rientro e senza obbligo di presentare un test Covid negativo. Importante! Le condizioni di ingresso devono SEMPRE essere verificate con il Ministero degli Affari esteri ed europei della Repubblica slovacca o direttamente con le autorità competenti di questi Paesi.

“Quarantena intelligente”

I cittadini slovacchi e gli stranieri con permesso di soggiorno in Slovacchia possono tornare nel Paese senza sottoporsi alla quarantena obbligatoria scaricando l’app eKaranténa, che è ora disponibile per i telefoni cellulari con sistema operativo Android e iOS. Tutte le informazioni, incluso l’elenco dei valichi di frontiera da cui è possibile accedere alla quarantena intelligente, sono disponibili sul sito web ufficiale korona.gov.sk.

(Paola Ferraris)

Foto Skitterphoto CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.