Ingresso in Slovacchia solo per slovacchi, stranieri residenti o con relazioni famigliari. Per i residenti viaggi di 48 ore solo in Rep. Ceca e Ungheria

Dal 21 maggio 2020 è  possibile per i cittadini con residenza permanente o temporanea in Slovacchia viaggiare all’estero in otto paesi per un periodo massimo di 24 ore senza doversi sottoporre a quarantena obbligatoria al rientro, o mostrare un certificato negativo al Covid. La misura per i soggiorni brevi è valida per chi esce dal paese per recarsi in Ungheria, Repubblica Ceca, Polonia, Austria, Croazia, Slovenia, Svizzera e Germania.

In Cechia e Ungheria per 48 ore, ed è reciproco

Dal 27 maggio 2020, in base a un aggiornamento concordato con paesi selezionati, gli slovacchi (o gli stranieri con residenza) possono viaggiare in Repubblica Ceca e Ungheria alle stesse condizioni per un  massimo di 48 ore. Il governo slovacco si è accordato finora soltanto con Repubblica ceca e Ungheria, e vale reciprocamente per i viaggi in Slovacchia dei cittadini di quei paesi (o stranieri con residenza in quei paesi).

Da ricordare che anche per chi ha residenza ceca o ungherese, che può dunque entrare in Slovacchia per 48 ore senza quarantena né all’andata né al ritorno, deve farlo esclusivamente attraverso i valichi di frontiera diretti tra Repubblica Ceca e Slovacchia e tra Ungheria e Slovacchia. Non è possibile, ad esempio, che un cittadino con residenza in Cechia entri in Slovacchia attraverso un valico dalla Polonia – o dall’Austria.

Niente reciprocità con gli altri paesi

Come si evince alla lettura della notizia pubblicata il 27 maggio sul sito del ministero degli Interni della Repubblica Slovacca, è chiaramente indicato che i cittadini ungheresi o cechi, o gli stranieri in questi paesi residenti, possono entrare in Slovacchia alle stesse condizioni degli slovacchi nei rispettivi paesi. Ma nulla è specificato relativamente ai cittadini (o ai residenti) degli altri sei paesi per i quali vige l’accordo di libero spostamento per gli slovacchi entro le 24 ore. Guardando, ad esempio, il sito web dell’Ambasciata di Slovacchia in Polonia, nulla viene indicato finora sull’ingresso in Slovacchia di persone con residenza polacca. Nemmeno sul sito dell’Ambasciata in Croazia, paese che ha aperto i confini praticamente ai cittadini di tutta Europa per finalità turistiche (basta mostrare una prenotazione alberghiera o in altra struttura ricettiva), e che agli slovacchi dal 28 maggio non chiede nemmeno le ragioni del viaggio, è scritto nulla che indichi tale possibilità.

Verificare limiti e obblighi per mobilità con paesi stranieri

In ogni caso, visionare sul sito del ministero degli Esteri tutte le limitazioni o obblighi alle frontiere per l’ingresso negli altri paesi europei con i quali esiste un accordo. Ad esempio, prima di entrare in Croazia è necessario compilare un modulo che si trova sul sito entercroatia.mup.hr (ora disponibile in inglese e croato). Per raggiungere la Croazia il transito degli slovacchi è possibile attraverso l’Ungheria, solo con il permesso della polizia ungherese (valichi di frontiera con l’Ungheria sono chiusi a tutti tranne che ai cittadini della Croazia, dell’Ungheria e al trasporto merci), o attraverso l’Austria a condizione che sia senza sosta in Austria (ad eccezione del rifornimento di carburante e dell’uso dei servizi igienici), e via Slovenia senza restrizioni.

Questi i valichi di frontiera interni (Schengen) attualmente aperti:

Austria ??

  • Bratislava – Jarovce – Kittsee (autostrada) – passeggeri e trasporto merci
  • Bratislava – Jarovce – Kittsee (strada vecchia) – viaggi individuali /dalla parte austriaca aperto dalle 5 alle 22
  • Bratislava – Petržalka – Berg
  • Moravský Svätý Ján – Hohenau – viaggi individuali
  • Záhorská Ves – Angern (traghetto)

Repubblica Ceca ??

  • Svrčinovec – Mosty u Jablunkova
  •  Makov – Bílá-Bumbálka
  •  Horné Srnie – Brumov-Bylnice – passeggeri e trasporto merci N3
  •  Drietoma – Starý Hrozenkov
  •  Moravské Lieskové – Strání – passeggeri e trasporto merci N3
  •  Lysá pod Makytou – Střelná
  •  Vrbovce – Velká nad Veličkou – passeggeri e trasporto merci N2
  •  Brodské – Břeclav (autostrada)
  •  Holíč – Hodonín
  •  Skalica – Sudoměřice (strada nuova)
  • Skalica – prístavisko (Baťov kanál) –  viaggi individuali

Ungheria ??

  • Bratislava Čunovo – Rajka (autostrada)
  • Medveďov – Vámosszabadi
  • Komárno – Komárom
  • Štúrovo – Esztergom
  • Šahy – Parassapuszta
  • Slovenské Ďarmoty – Balassagyarmat
  • Šiatorská Bukovinka – Salgótarján – viaggi individuali
  • Kráľ – Bánréve – anche per trasporti merci internazionali con carico/scarico in Repubblica Ceca e Polonia
  • Milhosť – Tornyosnémeti (cesta I/17)
  • Milhosť – Tornyosnémeti cesta (cesta R4)
  • Slovenské Nové Mesto – Sátoraljaújhely (cestný prechod) – viaggi individuali
  • Hosťovce – Tornanádaska – viaggi individuali e mezzi pesanti max 3,5 t tra Slovacchia e Ungheria, dal 2 giugno aperto 24 ore
  • Rároš – Rárospuszta – trasporto passeggeri e merci max 7,5 t
  • Štúrovo- Estergom /kompa/ – trasporto merci dal 2 giugno

Polonia ??

  • Trstená – Chyžné
  •  Vyšný Komárnik – Barwinek

Uscite di 24 o 48 ore solo con modulo compilato

Prima di lasciare la Slovacchia c’è obbligo di compilare un modulo (lo si trova quiin fondo a questa pagina) con l’orario di uscita dal territorio, confermato dalla polizia al valico di frontiera. In realtà, come ci dicono nostri collaboratori, non è tutto così immediato. Chi va in Repubblica Ceca non ha trovato polizia né all’uscita dalla Slovacca né all’ingresso in Cechia, e il controllo è stato eseguito solo sei chilometri più avanti, al punto di controllo doganale, dove erano presenti agenti di entrambi i paesi. Il passeggero in “gita” è dunque entrato in Cechia per diversi chilometri senza il timbro, e senza la certezza matematica che avrebbe potuto rientrare in patria senza sottostare all’obbligo di quarantena.

Prima di mettersi in viaggio, e visto che le cose evolvono piuttosto velocemente, è sempre consigliabile per evitare problemi contattare le autorità di polizia e le sedi diplomatiche.

Niente ingresso in Slovacchia per italiani non residenti

Rimane assolutamente vietato per il momento l’ingresso in Slovacchia ai cittadini stranieri (e italiani) che non abbiano residenza nel paese o non facciano parte delle categorie esenti da quarantena. Unica eccezione per gli stranieri pendolari che abitano entro 30 km oltre confine,o gli stranieri che abbiano un legame stretto con un cittadino slovacco – coniuge, figlio minore, genitore di un figlio minore – relazione da dimostrarsi con certificazione ufficiale (es. certificato di nascita, certificato di matrimonio, se in lingua straniera da accompagnare con versione slovacca anche non giurata). Informazioni sul sito del ministero degli Esteri slovacco.

Quarantena intelligente

Attenzione: per chi intende rientrare in Slovacchia (se cittadino slovacco o straniero residente) senza fare la quarantena obbligatoria è possibile scaricare l’app eKaranténa e andare direttamente dal valico di frontiera alla propria abitazione. Tutte le informazioni, incluso l’elenco dei valichi di frontiera dai quali si può accedere alla quarantena intelligente, si trovano qui. Per gli aggiornamenti vedere il sito ufficiale korona.gov.sk/ekarantena.

(La Redazione)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.