RRZ: il PIL slovacco nel secondo trimestre scenderà dell’11%

Secondo l’ultima previsione a breve del Consiglio per la responsabilità di bilancio (RRZ), organo indipendente di monitoraggio della politica economica del governo e la sostenibilità delle finanze pubbliche, il PIL della Slovacchia sprofonderà dell’11% su base annua nel secondo trimestre di quest’anno, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Per i primi sei mesi dell’anno RRZ prevede un calo più moderato, del 7,6%, una cifra che lo stesso consiglio commenta come vicina all’8,2% stimato in aprile dal comitato di prognosi macroeconomica. Mentre il confronto del secondo trimestre 2020 con i primi tre mesi vedrà una diminuzione del Prodotto interno lordo nazionale del 6,9% su base trimestrale.

Secondo RRZ, tutte le componenti del PIL, a parte la pubblica amministrazione, registreranno un calo annuo, a partire dai consumi delle famiglie, e di investimenti ed esportazioni per cui il consiglio si aspetta un calo a due cifre. Nel frattempo, l’indice dei prezzi sta indebolendo il suo sviluppo e l’inflazione dovrebbe scendere al di sotto del 2% tra aprile e giugno. Secondo gli analisti di RRZ la caduta del PIL ha raggiunto il suo massimo alla fine del primo e all’inizio del secondo trimestre, cui ha fatto seguito una lenta ripresa.

Nel frattempo il ministero delle Finanze sta preparando un cambio alla direzione del Consiglio per la responsabilità di bilancio, e ha annunciato il concorso per il nuovo presidente a inizio maggio. Il mandato dell’attuale presidente Ivan Šramko si è concluso formalmente nel giugno di un anno fa. Il ministro Eduard Heger (OĽaNO) diceva l’altro ieri che ci sono nomi abbastanza interessanti tra i candidati che si sono fatti avanti finora.

(Red)

Illustr. geralt/BS CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.