A Žilina arriva Fellini e la Dolce Italia. Domani l’inaugurazione

Venerdì 22 maggio si apre ufficialmente alla Galleria di Arte della Città di Žilina “Fellini e la Dolce Italia”, mostra organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura e l’Ambasciata d’Italia a Bratislava, insieme alla predetta galleria.

L’esposizione si tiene per il 100° anniversario della nascita di Federico Fellini ed è composta da materiali originali provenienti dall’Archivio Enrico Minisini di Cividale del Friuli, dalla Frittelli arte contemporanea di Firenze e dalla Cineteca Nazionale di Praga e di Bratislava.

Le locandine, le fotobuste, i manifesti e le opere d’arte esposte portano i visitatori nel mitico mondo della Dolce vita, di via Veneto a Roma, dei paparazzi, dell’Italia del Boom economico, di Marcello Mastroianni, di Sophia Loren, di Giulietta Masina, di Vittorio Gassman, di Nino Manfredi e dei tanti divi del cinema che hanno caratterizzato una stagione irripetibile, dove l’Italia cercava di lasciarsi alle spalle le ferite della guerra.

Insieme ai materiali collegati ai film di Fellini, ne sono esposti altri di pellicole uscite nel periodo in cui il cineasta riminese creava i suoi capolavori, è quindi interessante vedere il parallelo anche con i lavori di Luchino ViscontiDino RisiVittorio De SicaPier Paolo PasoliniEttore ScolaMario MonicelliMarco Bellocchio e altri che hanno fatto la storia del cinema italiano. Guardando il tutto emerge un Paese che ha voglia di spensieratezza e di divertirsi, di andare in vacanza, ma anche un popolo che durante il benessere crescente comincia a porsi interrogativi che porteranno alla contestazione del ’68.

In più manifesti compare Alberto Sordi, attore molto rappresentativo dell’italianità e nato appena 5 mesi dopo Fellini.

Proprio a Fellini si deve che l’Italia, per tutto il mondo, sia diventata il Paese della Dolce vita; pochi artisti sono riusciti a rappresentare l’intera nostra storia come ha fatto Fellini.

È stato capace di inventare un mondo intero, creando un immaginario in grado non solo di raccontare la propria generazione, ma anche di capire quello che sarebbe successo dopo.

Fellini, con le sue pellicole, ci ha mostrato come, viaggiando a ritroso nel tempo, si possano trovare suggerimenti per comprendere il presente. La sua eredità è ancora dinamica e viva nel linguaggio artistico e creativo di oggi.

L’Archivio Minisini, composto da decine di migliaia di materiali originali su carta, collegati alla promozione di film italiani, in particolare degli anni ’50, ’60 e ’70, collabora da anni con istituzioni e musei per la realizzazione di eventi, tra questi si ricorda anche un’esposizione tenuta a Miliano in occasione dell’Expo 2015.

Questa mostra che si svolge sotto il Patrocinio del Presidente della Regione di Žilina, Erika Jurinová, è inoltre uno degli eventi di maggior rilievo della tredicesima edizione del festival italiano in Slovacchia “Dolce Vitaj”. 

_

Quando: 22.5 -12.7.2020
Dove: Považská galéria umenia Žilina (Galleria di Arte della Città di Žilina)
Organizzato da: Istituto Italiano di Cultura di Bratislava, Ambasciata d’Italia in Slovacchia
In collaborazione con: Archivio Minisini di Cividale del Friuli, Frittelli arte contemporanea di Firenze, Galleria di Arte della Città di Žilina
Info: Evento Facebook, IIC Bratislava

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.