Slovacchia tratta per aprire frontiere con Vienna e Praga per una “mini Schengen”

Secondo il sottosegretario agli Esteri Martin Klus (SaS) probabilmente l’apertura dei confini slovacchi con Repubblica Ceca e Austria avverrà quest’estate, che sono i due paesi che mostrano «la maggior volontà» di permettere di nuovo la libera circolazione. Del resto, gli attraversamenti delle frontiere con questi due paesi interessano il maggior numero di persone che si devono muovere per lavoro o famiglia. Klus, che ha fatto queste dichiarazioni ieri al programma di discussione politica “O pat minut dvanast” sul primo canale TV di RTVS, ha definito questa potenziale modalità di apertura come una “mini Schengen” e ha espresso la speranza che si possa già fare nel mese di giugno. Tutto sta nei colloqui che si tengono con gli Stati frontalieri.

Quanto all’apertura dei valichi di frontiera con l’Ungheria, Klus ha ammesso che il governo sta ricevendo forti pressioni da parte di paesi come Croazia, Bulgaria e Grecia, che vorrebbero la creazione di corridoi turistici per la stagione estiva dal centro-est Europa verso le spiagge dei loro rispettivi paesi.

(Red)

Foto BlueMars cc by sa

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.