La guerra 75 anni fa era finita, la gente cominciava a cantare di nuovo

La canzone della settimana: “Tu Vuo’ Fa L’Americano” di Nicola Salerno e Renato Carusone in arte Renato Carosone (eseguita da Dany Di Dionisio)

Tu Vuo’ Fa L’Americano” fu scritta da Renato Carusone (il suo vero nome) in arte conosciuto come “Renato Carosone” (musica) con il paroliere “Nicola Salerno” in arte “Nisa” (testo).

Il compositore combinò musica, swing e jazz realizzando un “Boogie woogie” in un solo quarto d’ora. Carosone fu immediatamente sicuro del successo del brano, e infatti, una volta pubblicata raggiunse il successo internazionale restando fino ai giorni nostri la canzone più nota del cantautore.

La canzone viene spesso interpretata come una satira del processo di americanizzazione presente nei primi anni del dopoguerra… vediamone le parole:

Tu Vuo’ Fa L’Americano

Puorte ‘e calzune cu nu stemma arreto
Na cuppulella cu ‘a visiera aizata
Passa scampanianno pe’ Tuledo
Comm’a nu guappo, pe’ te fa’ guardà

Tu vuo’ fa’ l’americano
‘Mericano, ‘mericano
Sient’a mme chi t’ ‘o ffa fa’?
Tu vuoi vivere alla moda
Ma se bevi “whisky and soda”
Po’ te siente ‘e disturba’

Tu abball’ o’ rock’n’roll
Tu gioch’ a baseball
Ma ‘e sorde p’ è Camel
Chi te li dà
La borsetta di mammà

Tu vuo’ fa’ l’americano
‘Mericano, mericano
Ma si’ nato in Italy
Sient’ a mme, nun ce sta niente ‘a fa’
Ok, napulitan
Tu vuo’ fa’ l’american
Tu vuo’ fa’ l’american

Comme te po’ capi’ chi te vo’ bene
Si tu le parle miezo americano?
Quanno se fa l’ammore sott’ ‘a luna
Comme te vene ‘ncapa ‘e di’ “I love you”?

Tu vuo’ fa’ l’americano
‘Mericano, mericano
Sient’a mme chi t’ ‘o fa fa’?
Tu vuoi vivere alla moda
Ma se bevi “whisky and soda”
Po’ te siente ‘e disturba’

Tu abball’ o’ rock’n’roll
Tu gioch’ a baseball
Ma ‘e sorde p’ è Camel
Chi te li dà
La borsetta di mamma

Tu vuo’ fa’ l’americano
‘Mericano, mericano
Ma si’ nato in Italy
Sient’ a mme, nun ce sta niente ‘a fa’
Ok, napulitan
Tu vuo’ fa’ ll’american
Tu vuo’ fa’ ll’american

Tu vuo’ fa’ l’americano
‘Mericano, ‘mericano
Ma si’ nato in Italy
Sient’ a mme, nun ce sta niente ‘a fa’
Ok, napulitan
Tu vuo’ fa’ l’american
Tu vuo’ fa’ l’american

Whisky e soda e rock’n’roll
Whisky e soda e rock’n’roll
Whisky e soda e rock’n’roll

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Precedentemente a “Tu Vuo’ Fa L’Americano”, un’altra canzone Napoletana scritta nel 1944 ,da “E.A. Mario“, pseudonimo di “Giovanni Ermete Gaeta” (parole) e da “Edoardo Nicolardi” (testo) trattava un argomento connesso alla presenza militare americana a Napoli con la canzone “Tammurriata Nera” che vi proponiamo di seguito nella versione rivisitata nel 1981 dalla “Nuova Compagnia di Canto Popolare“…

Alcuni vedono nelle parole di questa canzone napoletana una punta di razzismo, sentimento che non solo non condividiamo ma che decisamente ripudiamo.

Solo come curiosità il compositore di “Tammurriata Nera“,  è lo stesso della famosissima “La canzone del Piave”… ma questa fu un’altra guerra.

Abbiamo abbinato queste due canzoni storiche molte diverse fra loro perché in qualche modo ci riportano entrambe agli anni del dopoguerra: la seconda è una ballata popolare del 1944 (ricordiamoci che Napoli fu liberata molto prima che il nord Italia…) che racconta la storia di una donna che mette al mondo un bimbo di colore, concepito con un soldato durante l’occupazione americana. La donna, tuttavia, accetta il figlio, forte del proprio amore materno…; la prima, interpretata dal nostro “Dany Di Dionisio“, ha ritmo e musicalità completamente diversi e anche il senso è molto diverso. L’americanizzazione del mondo, l’introduzione di sempre più slang americano nel modo corrente di parlare in tutta Europa, non solo in Italia, le mode e i comportamenti la rendono quantomai attuale.

Entrambi i brani sono napoletani e non a caso: la canzone napoletana, o partenopea che dir si voglia, fa parte a tutti gli effetti del patrimonio musicale italiano.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Un ringraziamento a Dany per averci proposto questa chicca del suo vasto repertorio e da parte nostra dobbiamo dire che sicuramente non è stato semplice rappresentare con un brano musicale il dopoguerra italiano.

Un’ultima curiosità: Carosone assieme a Domenico Modugno sono stati gli unici cantanti italiani ad aver venduto dischi negli Stati Uniti senza inciderli in inglese: grandi!

Alla prossima

Selena Colusso Vio

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.