Ministero Finanze, le misure anticoronavirus per privati e aziende

I privati persone fisiche saranno in grado di chiedere il rinvio dei pagamenti delle rate di leasing per tre mesi a causa del coronavirus. Se la crisi dovesse prolungarsi potranno chiedere ancora un altro rinvio, secondo quanto dichiarato oggi il sottosegretario alle Finanze Marcel Klimek dopo il raggiungimento di un accordo con i rappresentanti delle società di leasing. Un’opzione simile per i piccoli imprenditori è ancora in fase di trattativa. La questione verrà inserita in un emendamento legislativo da far approvare in consiglio dei ministri a breve, e altrettando velocemente sarà presentato in Parlamento per diventare legge. Il rinvio non sarà tuttavia gratuito: i clienti degli istituti di leasing dovranno pagare gli interessi per il differimento delle rate.

Venerdì scorso il governo aveva raggiunto una intesa con le banche per il differimento delle rate di prestiti e mutui per cittadini, lavoratori autonomi e piccole e medie imprese fino a un massimo di nove mesi.

Da ieri imprese e lavoratori autonomi con dipendenti che hanno dovuto chiudere l’attività per le misure governative di contenimento dell’epidemia possono chiedere un sussidio statale che arriva all’80% dei costi salariali. Da domani potrà chiedere un contributo anche chi non ha dipendenti e non ha chiuso, ma ha subito perdite di fatturato di almeno il 20% a marzo.

Con un provvedimento votato all’unanimità (141 voti su 141 parlamentari presenti) è passato la scorsa settimana il rinvio delle dichiarazioni dei redditi e dei pagamenti delle imposte sul reddito per l’anno 2019 fino alla fine della pandemia di coronavirus. Il posticipo della scadenza, anziché il 31 marzo passa al 31 agosto sia per la presentazione del bilancio che per la dichiarazione dei redditi, e anche per il pagamento dell’imposta. Malgrado il rinvio rimane garantita la possibilità di devolvere il 2% delle imposte a favore delle Ong.

Il ministero delle Finanze sta inoltre preparando un emendamento per andare a velocizzare i rimborsi di imposte. Il disegno di legge che andrà correggere la legislazione vigente in materia di imposta sul reddito permetterà allo Stato di pagare al massimo entro il 10 maggio prossimo il rimborso di imposta in eccesso delle dichiarazioni per i redditi 2019 presentate quest’anno entro il termine standard del 31 marzo.

Inoltre, durante tutta la pandemia vengono bloccati i controlli fiscali, e tutte le procedure già avviate dagli ispettori dell’Amministrazione finanziaria nei confronti dei contribuenti, incluse le esecuzioni . Unica eccezione è quella che riguarda le procedure che comportano il rimborso di denaro ai contribuenti, vale a dire il rimborso di imposte pagate in eccesso.

Il Parlamento ha inoltre posticipato per una serie di datori di lavoro e lavoratori autonomi i pagamenti obbligatori ai fondi delle assicurazioni sociali, i contributi ai piani di risparmio per le pensioni di vecchiaia e i pagamenti anticipati ai fondi delle assicurazioni sanitarie per il mese di marzo. Le scadenze vengono rinviate al 31 luglio 2020.

Il governo sta in queste ore ancora lavorando per preparare una serie di misure a favore delle grandi aziende. Proprio oggi c’è stato un incontro con le associazioni dei datori di lavoro. Il primo ministro ha detto di voler presentare entro la fine di questa settimana, o al più tardi la settimana prossima, il piano di aiuti con soluzioni concrete per le grandi imprese, sicuramente volte al sostegno della conservazione dei posti di lavoro, proprio come nel caso delle piccole imprese, e a ridurre al minimo i danni economici alle aziende. Tra le richieste fatte dalle aziende vi sono contributi per i costi del personale, una moratoria delle esecuzioni e delle procedure fallimentari, un calcolo sul consumo effettivo delle bollette energetiche (e senza anticipi), un rifinanziamento di strumenti di credito alle imprese attraverso le finanziarie pubbliche Eximbanka e SZRB, la Banca slovacca per lo sviluppo e la garanzia.

(La Redazione)

Foto cloudhoreca CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.