Il Parlamento approva: dichiarazioni e relative tasse rinviate a dopo la fine della pandemia

Il Parlamento ha approvato ieri all’unanimità (141 voti su 141 parlamentari presenti) il rinvio delle dichiarazioni dei redditi e dei pagamenti delle imposte sul reddito per l’anno 2019 fino alla fine della pandemia di coronavirus. Il disegno di legge su alcune misure finanziarie straordinarie causate dalla diffusione di Covid-19 prevede il posticipo della scadenza per la presentazione della dichiarazione dei redditi fino alla fine del mese successivo a quello della fine della pandemia. Lo stesso per le imposte da pagare sul reddito.

Come si legge sul documento, vuol dire che se il governo dichiara la fine dell’emergenza da pandemia a luglio 2020, il termine per la presentazione della dichiarazione dei redditi è posticipato al 31 agosto 2020, e così anche la relativa imposta. La legge estende anche altre scadenze relative alla dichiarazione dei redditi, come quella per le richieste di rimborso. Allo stesso modo vengono prorogate tutte le azioni legali per debiti o irregolarità fiscali e il rinvio del termine per la presentazione delle dichiarazioni per i veicoli a motore.

La legge mette si preoccupa anche di salvare il settore non profit, garantendo la possibilità di devolvere una percentuale delle tasse alle Ong monostante il deposito tardivo della dichiarazione dei redditi.

(Red)

Ilustraz. BS

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.