I deputati della maggioranza hanno firmato l’accordo di coalizione

I deputati della coalizione di maggioranza hanno firmato ieri l’accordo di coalizione nel castello di Bratislava. Hanno sottoscritto l’intesa di legislatura tutti gli eletti dei quattro partiti che sostengono il governo, (OĽaNO, Sme Rodina, SaS e Za ľudí) tranne uno, Miroslav Kollár del partito Za ľudí, che lo ritiene inutile e non vede ragioni per un tale “esperimento” mai fatto prima. Egli crede che bastino le firme dei leader dei quattro partiti, ma ha comunque assicurato il suo sostegno pieno al governo.

È in un certo senso un avvenimento storico, perché è la prima volta che l’accordo per un governo di coalizione è stato firmato non solo dai presidenti di partito, ma da tutti i membri della coalizione eletti in Parlamento. Il primo ministro Igor Matovič (OĽaNO) aveva chiesto la firma da parte di tutti i deputati della coalizione come prova dell’impegno di ciascuno nei confronti del governo e degli elettori, e di unità di intenti tra le quattro forze politiche, che non sembre sono andate perfettamente d’accordo quando erano all’opposizione. Matovič, insieme a Boris Kollár (Sme Rodina) Veronika Remišová (Za ľudí) e Richar Sulík (SaS) avevano firmato il documento sabato 21 marzo, sempre nei saloni del Castello di Bratislava, sede massima di rappresentanza dello Stato slovacco, poco prima della nomina del governo presso il palazzo presidenziale. La coalizione di maggioranza dovrebbe dunque poter contare su un totale di 95 voti in una camera di 150 seggi. Una maggioranza qualificata che sarà in grado, come dall’inizio aveva desiderato Matovič, anche di mettere mano a riforme costituzionali, dove servono almeno 90 voti, i due terzi del totale.

Ora il compito del primo ministro e dei suoi alleati è di stilare al più presto il programma di governo che andrà sottoposto quanto prima al Parlamento per il voto di fiducia. Il governo ha 30 giorni per farlo, quindi fino al 20 aprile, ma c’è un impegno comune, chiesto esplicitamente anche dalla presidente Čaputová, per velocizzare al massimo i tempi ed avere al più presto possibile un governo pienamente funzionale e giuridicamente legittimato a guidare il paese in un momento di grande emergenza.

(Red)

Foto NRSR

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.