Disoccupazione in Slovacchia del 5% superiore alla media europea

La Slovacchia è afflitta seriamente dalla disoccupazione di lunga durata, che ha raggiunto il 9,1% nel secondo trimestre del 2010, mentre il tasso medio di disoccupazione di lunga durata nei paesi dell’UE è di appena il 3,8%, secondo un’analisi di mercato elaborata dall’Istituto di Politica Finanziaria (IFP), braccio di ricerca del Ministero delle Finanze slovacco.

Inoltre, il tasso di disoccupazione totale in Slovacchia è tra i più elevati all’interno dell’UE. «Il tasso di disoccupazione totale è notevolmente aumentato, ed attualmente è del 14,4% (2° trimestre 2010), il quinto più alto all’interno dell’UE», dice l’analisi, aggiungendo che la media UE è del 9,5%.

Secondo il documento, la Slovacchia era tra i Paesi che hanno visto un aumento del tasso di disoccupazione anche nel 2009. «L’occupazione, nel 2009, è calata di 30.000 persone a causa della crisi. Uno dei fattori all’origine dell’aumento del tasso di disoccupazione è la crescita sproporzionata del personale in congedo di malattia – di circa 12.500 persone», secondo il documento, secondo il quale il motivo potrebbe essere che i dipendenti fingono una malattia per rimandare l’eventuale licenziamento a breve. Così, l’effetto di questa cosiddetta malattia speculativa potrebbe avere aumentato nel 2009 il tasso di disoccupazione registrato di 0,4 punti percentuali, dal 12,1 al 12,5%.

(Fonte TASR)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*