Radicova: l’UE trasmetta un chiaro segnale di stabilità ai mercati

I Primi Ministri dei Quattro di Visegrad (Slovacchia, Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia), si sono accordati a Bruxelles ieri sulla necessità di inviare un segnale chiaro ai mercati sull’accordo definitivo che riguarda la creazione di un Meccanismo permanente di crisi per sostituire lo European Financial Stability Facility (EFSF) nel 2013. Solo tale segnale può contribuire a calmare la situazione sui mercati internazionali, ha detto il Primo Ministro slovacco Iveta Radicova dopo la fine della riunione alla quale ha partecipato anche il Presidente della Commissione Europea José Manuel Barroso.

La Radicova ha però nel contempo ammesso che anche tale accordo potrebbe non funzionare. «Non abbiamo ancora inviato un segnale. La mia opinione personale [è] che questo non sarà sufficiente», ha detto. Il Premier slovacco è soddisfatto degli accordi preliminari raggiunti al vertice UE di Bruxelles. Secondo lei, la creazione di un Meccanismo di crisi permanente che coinvolga il settore privato nella risoluzione dei problemi futuri non permetterà degli azzardi morali. «Dovrebbe contenere meccanismi molto rigorosi per procedere se i Paesi hanno problemi. In primo luogo vi è la responsabilità del Fondo monetario internazionale, poi il Meccanismo e poi i creditori, che vengono all’ultimo posto», ha detto la Radicova.

Barroso ha espresso la speranza che al vertice si raggiunga il consenso e che verrà dato il via libera al Meccanismo. «Sarà un progresso significativo avere un Meccanismo permanente dopo il 2013», ha affermato Barroso, auspicando anche che gli Stati membri dell’UE potranno raggiungere un accordo per questo scopo sulla revisione del Trattato di Lisbona.

(Fonte TASR)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*