Vazny: Governo ha fermato infrastrutture. Figel: meglio i fondi EU. Fico: non c’è altro modo dei PPP

Durante la seduta straordinaria che il Parlamento ha tenuto ieri su richiesta dell’opposizione sul tema della costruzione delle autostrade promesse, l’ex Ministro dei Trasporti Lubomir Vazny (Smer-SD) ha affermato che se la costruzione fosse ancora nelle mani del precedente Governo, le infrastrutture stradali potrebbero essere completate entro il 2037, ma con la nuova gestione del Ministero non saranno pronte fino al 2081.

«Quanto si intende costruire, e quanto si vuole aprirle per l’utilizzo? Secondo il programma dell’attuale Governo sono zero [chilometri]», ha dichiarato Vazny.

Nel piano di cui si fa riferimento nel bilancio, il Ministero intende realizzare 5,2 km di autostrade nel 2011 e la stessa lunghezza nel 2012. «Anche l’impegno per il 2011, che è patetico e penoso, non è realistico», ha dichiarato Vazny, aggiungendo che la costruzione difficilmente può avvenire dal momento che i suoi preparativi sono stati interrotti. Vazny ha criticato l’attuale gestione del Ministero per non aver trasmesso informazioni chiare su ciò che sarà costruito, dove e con quali risorse, e ha descritto la decisione della Coalizione sul terzo pacchetto di costruzione della D1 come un fallimento del Ministero. Il pacchetto doveva originariamente essere costruito in forma di progetto di partenariato pubblico-privato (PPP). Secondo il nuovo piano, però, la maggior parte della sezione di 30 km sarà finanziata da fondi dell’UE.

Il primo pacchetto di partenariato pubblico-privato (PPP) per la costruzione di autostrade, ha risposto il Ministro dei Trasporti Jan Figel, doveva costare circa 9 milioni di euro per oltre 30 anni, e il terzo invece 8,5 miliardi, ma questo non è il modo in cui l’attuale Ministero dei Trasporti gestirà le cose. Ci si deve assumere, ha detto, la responsabilità per i propri figli e nipoti.

Figel ha sostenuto che i progetti PPP dovrebbero essere principalmente utilizzati quando non sono disponibili soldi dai fondi dell’Unione Europea, dato che questi ultimi non lasciano debiti sulle spalle dei futuri cittadini.

«Il bilancio è aumentato del 24%», ha ribatturo Figel, aggiungendo che è stato aumentato da 761 milioni a 900 milioni di euro l’anno prossimo. «Vogliamo assolutamente costruire autostrade, e in linea con l’ambizione che ci siamo posti, ma in un modo diverso», ha detto.

Il Governo non avrà sufficienti risorse finanziarie per costruire le autostrade in un modo diverso dal partenariato pubblico-privato (PPP), ha detto il presidente di Smer-SD ed ev Premier Robert Fico alla fine della discussione parlamentare straordinaria di ieri proprio sul tema della costruzione di autostrade. Fico ha sottolineato che il suo partito riteneva i grandi investimenti pubblici uno strumento per garantire la crescita economica. «La differenza tra noi è che noi crediamo negli investimenti pubblici», ha detto ai rappresentanti della Coalizione.

Fico ha detto che il suo Governo aveva scelto tali investimenti perché il bilancio statale e i fondi europei mancavano di risorse sufficienti. «E si è dimostrata una decisione giusta», ha detto Fico, rimarcando l’esempio della costruzione della superstrada R1 tra Nitra e Zvolen (regione di Banska Bystrica) realizzata con PPP.

(Fonte TASR)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.