Il fondatore di Slovenska Pospolitost entra in SNS come dirigente

Jan Slota, leader di SNS

Una notizia non esaltante è stata pubblicata ieri dal sito internet topky.sk: il fondatore del movimento di estrema destra Slovenska Pospolitost (Comunità slovacca) Ivan Ruzicka è stato nominato capo regionale del Partito Nazionale slovacco (Sns) dal suo presidente Jan Slota.

Ruzicka è un estremista di destra, e la sua nomina – a sentire topky.sk – avrebbe fatto indignare molti membri di SNS. Ruzicka è stato eletto primo presidente di Slovenska Pospolitost nel 1996, e durante il suo mandato fu pubblicata la rivista radicale Bloc, i cui lettori sono soprattutto giovani con la testa rasata o con tagli di capelli corti. La rivista ha pubblicato interviste con bande neo-naziste, articoli che negavano l’Olocausto come mai avvenuto e pubblicizzava prodotti come etichette con la scritta ‘skinheads’.

Ruzicka non ha nascosto di essere stato attivo con Slovenska Pospolitost. «Loro lo sanno nel partito. Nessuno ha mostrato di avere alcun problema con questo, solo voi ne avete», ha detto a topky.sk.

SNS non considera il passato di Ruzicka un problema e non è preoccupato di eventuali radicalizzazioni del partito. «La questione è vecchia di 13 anni e, di conseguenza, è tutt’altro che attuale. Inoltre, Slovenska Pospolitost era un’organizzazione molto diversa allora», ha detto il portavoce di SNS Jana Benkova. Chissà, forse Slota, dopo essere malamente sopravvissuto alle elezioni con un risicatissimo 0,1% sopra la quota di sbarramento del 5% ed essere confinato all’opposizione (senza neanche essere degnato di alcuna attenzione dall’altro partito di opposizione Smer-SD), dopo essere stato rieletto capo del partito ed aver estromesso l’ex numero due Anna Belousovova (unica voce critica) da tutte le cariche possibili in SNS, forse Slota ha deciso di cambiare rotta e spostarsi più a destra ancora.

(Fonte TASR)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*