Sario Daily Media Monitoring

Riportiamo anche oggi alcune delle più importanti notizie tratte dalla newsletter della Sario, Agenzia del Ministero dell’Economia per attrarre gli investimenti diretti in Slovacchia e per la promozione del commercio estero, firmata dalla nostra collega Ildiko Dungelova. Il nostro Editore, Slovakia Group s.r.o., è business partner di Sario per il mercato italiano, ed è disponibile a fornire aiuto ed informazioni per tutto quello che riguarda gli investimenti in Slovacchia da parte degli imprenditori italiani.

– Sono più donne che uomini a studiare nelle università slovacche, e la differenza raggiunge le decine di migliaia, secondo i dati pubblicati dall‘Ufficio di Statistica. L’anno scorso sono state 128.046 le donne iscritte presso le università, mentre erano appena 83.507 gli uomini. Il numero di studenti universitari in totale continua a crescere. Dal 2005 il numero è aumentato di quasi il 20%, a 211.553. Cinque anni fa la proporzione di sesso era meno squilibrata, erano 103.867 gli studenti di sesso femminile e 73.844 quelli di sesso maschile.

– È stata aperta una nuova internet-bank in Slovacchia, si tratta di Zuno, direct-bank del gruppo Raiffeisen Bank International (RBI, che in Slovacchia possiede Tatra Banka). La Slovacchia è il primo dei Paesi dell’area CEE dove Zuno intende espandersi nel vicino futuro. Con Zuno RBI intende concentrarsi sul segmento di persone abituate ad operare via internet. Nonostante il modello sia quello di una banca „virtuale“ on-line, Zuno sarà accessibile anche ai clienti fisici attraverso una “zona Zuno” nel centro commerciale di Bratislava Eurovea. E altri due punti di accesso saranno aperti presto a Zilina e a Kosice.

– Il produttore di vini Chateau Modra ha firmato un contratto per la creazione di una joint venture con la ditta cinese Xiangyao. Il contratto garantirà la creazione di una società in Cina che venderà i vini slovacchi nella provincia di Hebei (con una popolazione di 70 milioni di abitanti) e nella città di Pechino.

– Il Tribunale regionale di Bratislava ha nuovamente annullato una multa di 29,38 milioni di euro comminata dall’Autorità Antitrust slovacca (PMU) a Slovak Telekom. L’autorità ha sanzionato la società di telefonia per non permettere ai suoi concorrenti l’accesso alla rete fissa di proprietà di Slovak Telekom. Già nel 2007 un tribunale aveva annullato la sanzione, ma l’anno successivo PMU aveva nuovamente multato la società, mossa contro la quale Slovak Telekom aveva fatto di nuovo ricorso. L’Autorità Antitrust dice che farà ancora appello contro l’ultima sentenza alla Corte Suprema.

– Le imprese unite nell’Associazione slovacca delle società di leasing (SLA) ha stipulato contratti per un valore di 1,118 miliardi di euro nei primi nove mesi di quest’anno, il che rappresenta un calo dello 0,9% su base annuale. Secondo l‘Associazione, la diminuzione è stata determinata principalmente dallo sviluppo negativo dei leasing al consumo (meno 34%) e una diminuzione del 21% sui finanziamenti per macchine e attrezzature, mentre l‘interesse per le imprese nel leasing finanziario di automobili e macchinari è stato in crescita.

– L’industria alimentare in Slovacchia ha registrato un utile di 95,8 milioni di euro nei primi nove mesi, in calo del 33,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, ha informato la Camera slovacca dell‘agricoltura e l‘industria SPPK. I ricavi dei primi nove mesi del settore alimentare sono stati pari a 2,7 miliardi di euro, con un aumento dell‘1,3% su base annuale. In tutti i segmenti si è registrato un calo annuale di utili, tranne per la produzione di foraggi e vino.

– Le PMI operanti in Slovacchia vedrebbero con favore le misure del Governo dirette a stabilizzare il contesto legislativo, aumentando l’efficacia del Tribunali e della Pubblica amministrazione, eliminando lo spazio per le pratiche di corruzione, secondo un sondaggio condotto dalla Camera di Commercio americana in Slovacchia tra più di 100 PMI.

– Le vendite al dettaglio e all’ingrosso hanno continuato a calare nel mese di Ottobre 2010. Mentre i dettaglianti hanno registrato una riduzione del 3,7% nel mese di Ottobre rispetto all’anno precedente, le vendite dei grossisti sono diminuite dello 0,3%, ha informato l’Ufficio di Statistica.

– Per il prossimo anno la Slovacchia ha circa 27 milioni di tonnellate di emissioni di CO2 disponibili per la vendita. Secondo il Ministero dell’Ambiente, il prezzo per una tonnellata di emissioni è attualmente pari a 5-7 euro. Due anni fa il Ministero ha venduto le sue quote di emissioni ad una ombrosa società del Gruppo Interblue per 5,05 euro per tonnellata. Allora, però, i Paesi vicini avevano ceduto le loro quote ad un prezzo vicino al doppio.

(Fonte Sario)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

gennaio: 2018
L M M G V S D
« Dic    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google