Jan Figel in Vaticano: la Slovacchia deve utilizzare la coscienza e la sana ragione

Il leader dei Cristiano Democratici (KDH) e Ministro dei Trasporti slovacchi Jan Figel, ha partecipato ieri ad un incontro in Vaticano con il Segretario di Stato Vaticano Angelo Sodano, il Segretario per  Rapporti con gli Stati (il Ministro degli Esteri del Vaticano) Dominique Mamberni, il Cardinale slovacco Jozef Tomko e l’Ambasciatore della Repubblica Slovacca in Vaticano Jozef Dravecky.

Il Card. Tomko ha parlato del significato della libertà nella società e nella coscienza degli uomini. Ha rimarcato che «la libertà e la coscienza dovrebbero essere il punto di partenza per la concezione dell’obiezione di coscienza» . Ha ricordato che la libertà di coscienza è la base della libertà di fede. Secondo il Ministro Jan Figel la difesa della coscienza è sinonimo di tutela del valore della persona. «La situazione in cui si trova la Slovacchia richiede un’applicazione da parte delle persone di coscienza e sana ragione», ha dichiarato nell’incontro.

L’incontro in Vaticano ha rimarcato il decennale dalla firma del Patto di Concordato tra la Santa Sede e la Repubblica Slovacca. «L’anima di questo concordato dice che è necessario fermare la devastazione dell’animo, non solo cristiano, che è stato devastato per oltre quarant’anni», ha detto Figel, riferendosi agli anni di regime comunista, ufficialmente ateo. Al colloquio ufficiale hanno partecipato anche il Presidente della Conferenza Episcopale Slovacca, l’Arcivescovo Stanislav Zvolensky, della professoressa slovacca Emilia Hrabovec (una delle sole due donne del Pontificio Comitato di Scienze Storiche, composto di 24 membri), ed il professore di diritto internazionale Marek Smid.

Il Concordato tra i due Paesi è stato sottoscritto il 24 Novembre 2000 e regolamenta i rapporti tra la Slovacchia e la Chiesa Cattolica e tra la Slovacchia e la Santa Sede. Il partito di Jan Figel, il Movimento Cristiano Democratico (KDH), aveva nel suo programma elettorale un miglioramento del Concordato, ma nelle discussioni post-elezioni ha pragmaticamente accantonato l’idea per entrare nell’attuale Coalizione che ha formato il Governo retto dalla SDKU Iveta Radicova.

(La Redazione)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.