Da ottobre possibili aumenti per le polizze assicurative

Secondo una proposta del ministero delle Finanze, le compagnie di assicurazione potrebbero aumentare i propri premi da ottobre dopo l’inserimento di una nuova imposta sui prodotti assicurativi non vita. Sarebbero toccate le assicurazioni sulla casa, sui mutui e altri prestiti, nonché l’assicurazione contro gli infortuni e le polizze viaggio. L’unica eccezione sarebbe l’assicurazione di responsabilità civile auto (Rca).

Il ministro Peter Kazimir, sentito dopo una riunione del consiglio economico e sociale di ieri, non ha escluso la misura dicendo che c’era un 50% di possibilità che la tassa venga decisa. Secondo il ministero potrebbero subire aumenti soprattutto i clienti delle polizze emesse da assicurazioni che versano in cattive condizioni o quelle con una posizione più debole sul mercato. In realtà, tuttavia, Kazimir dice che il cambiamento legislativo è solo di natura tecnica, e significa la sostituzione con una tassa del precedente prelievo dell’8%.

Dopo numerose critiche e modifiche che hanno cancellato l’imposta sulle polizze vita, il ministro ha tentato di concordare la misura con le parti sociali ma senza successo, e ha deciso che presenterà il provvedimento al consiglio dei ministri senza il loro accordo. Ovviamente, ha ammesso il ministro, «le compagnie di assicurazione non vogliono pagare». Ma a suo parere quelle assicurazioni che vogliono difendere i clienti «proveranno a non trasferire le tasse sui premi assicurativi». La nuova tassa sulle assicurazioni peserebbe uniformemente per l’8% su tutti i prodotti assicurativi non vita.

(Red)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*