Più di 160.000 firme per la petizione contro le modifiche al terzo pilastro

La petizione lanciata dall’Associazione delle società di gestione dei fondi pensione complementare (ADDS), la cui raccolta delle firme è iniziata Lunedi 4 Ottobre, ha raggiunto l’adesione di oltre 160.000 persone, che premono per lasciare il regime complementare di risparmio pensionistico (il cosiddetto terzo pilastro), che il Governo vorrebbe cambiare. L’idea era di raccogliere almeno 100.000 firme entro la fine del mese per poi trasmetterle al Parlamento, chiedendo ai parlamentari di non approvare l’emendamento. La proposta era già stata approvata per la seconda lettura dall’Assemblea legislativa.

Secondo la proposta del Governo, i contributi inviati da dipendenti e datori di lavoro ai fondi pensione supplementari diventerebbero imponibili, cancellando «praticamente qualsiasi motivazione a partecipare al terzo pilastro», facendo diventare la Slovacchia la «pecora nera nel mondo sviluppato, dove i Governi sostengono in ogni modo tutte le forme di risparmio pensionistico volontario», ha sottolineato il presidente di ADDS, Milos Krssak.

Secondo il Ministro delle Finanze Ivan Miklos, l’emendamento consente di eliminare privilegi ingiustificati, che provocano una deformazione del mercato.

(Fonte TASR)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.