Arrivato dall’Italia il secondo Spartan per l’aviazione slovacca

È atterrato lunedì 9 aprile a mezza mattinata sulla pista di Kuchyňa, base aerea militare nella Slovacchia occidentale a una manciata di chilometri da Bratislava, il secondo dei due aerei da trasporto tattico C-27J Spartan di produzione italiana per le Forze armate slovacche. Praticamente nelle stesse ore in cui il Capo di Stato Maggiore della Difesa italiano, generale Graziani, si recava in visita ufficiale in Slovacchia. Ad accogliere il velivolo, c’era anche il ministro della Difesa Peter Gajdoš insieme a rappresentanti del ministero e delle Forze armate.

Il primo Spartan, consegnato nell’ottobre scorso, è già stato usato per trasportare materiali a Cipro per il contingente slovacco che opera nella missione di pace UNFICYP. E compiti simili di supporto nelle missioni interne e internazionali in cui la Slovacchia è impegnata attendono anche il secondo velivolo, ha ricordato il ministro nel prendere il primo contatto con lo Spartan nuovo di fabbrica. Il suo prezzo è di 35,8 milioni, oltre a Iva. Il primo dei due esemplari, tuttavia, è stato scontato di 879mila euro per il ritardo di quasi un anno nella consegna. Nel contratto sono incluse la formazione del personale e il supporto logistico quinquennale (che da solo vale 25 milioni). Gli Spartan sostituiscono gli obsoleti Antonov di produzione russa che sono andati in pensione nel 2016. Nel 2006 un AN-24 era precipitato in Ungheria, poco lontano da Kosice, uccidendo 41 soldati di rientro da una missione in Kosovo.


Il pilota italiano saluta il ministro della Difesa Gajdos

I due aerei dovevano essere acquistati dieci anni fa, ma la gara pubblica vinta da Alenia (oggi Leonardo) nel 2008 non trovò uno sbocco fino a quando, nel 2014, non è stato firmato l’accordo definitivo di acquisto. Nella versione comprata dagli slovacchi l’aereo può essere usato sia dalle Forze armate per il trasporto truppe o materiali, sia per il trasporto di feriti o lo spegnimento di incendi, e anche per il lancio di carichi dal cielo.

Il C-27J è un bimotore a turboelica da trasporto tattico di ultima generazione multifunzione che ha riscontrato una certa richiesta sul mercato per le sue caratteristiche di eccezionale flessibilità e agibilità, oltre alle dimensioni ridotte, che ne hanno decretato il successo. Oggi viene utilizzato dalle forze aeree di numerosi paesi, tra i quali gli Usa, l’Italia, la Grecia, l’Australia, il Messico e il Marocco. Nella regione dell’Europa centro-orientale questi velivoli sono stati acquisiti dalle aviazioni di Bulgaria, Lituania, Romania e, appunto, Slovacchia.

(La Redazione)

Foto mod.gov.sk / mil.sk

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.