Il ricercato per omicidio Karol Mello arrestato dopo sei anni

La Polizia slovacca, in collaborazione con i colleghi polacchi ha arrestato ieri Karol Mello, ricercato per un duplice omicidio commesso a Most Pri Bratislave (regione di Bratislava) sei anni fa. Alla fine del 2004 un bambino di dieci anni e la fidanzata del padre del ragazzo, l’uomo d’affari Juraj Gala, rimasero uccisi quando la loro auto fu colpita da una raffica di un fucile automatico. L’attacco era in realtà volto al businessman, che però ma non era in macchina in quel momento.

Tre uomini, Branislav Adamco, Jozef Balog e Nikola Pajdic sono attualmente sotto processo per il doppio omicidio. Mello, che avrebbe ordinato l’omicidio di Gala, era rimasto nascosto per tutto questo tempo. Secondo le informazioni dei media era stato avvistato in Spagna, e la Polizia aveva informazioni che era fuggito in Thailandia. È stato invece arrestato nella città polacca di Cracovia ieri.

Ieri nel pomeriggio il capo della Polizia slovacca Jaroslav Spisiak ha dato qualche informazione in più in un briefing straordinario. Ha detto che l’arresto di quello che era «uno degli uomini più ricercati e più pericolosa della malavita» è stato possibile grazie all’arrivo di alcune persone chiave nel personale dellaPolizia slovacca.

Spisiak, tornato al suo incarico di funzionario in Polizia dopo anni – con il ritorno al potere di SDKU-DS, ha aggiunto che la polizia slovacca ha collaborato non solo con quella polacca, ma anche con colleghi cechi e spagnoli. Non ha però specificato quali siano stati i “cambi di personale” che avrebbero reso possibile l’operazione.

Mello è stato arrestato da una unità speciale della Polizia nella notte di Mercoledì in una casa in affitto in un sobborgo di Cracovia, alla presenza del figlio e della moglie, ha detto Spisiak. Presumibilmente, Mello usava 15 telefoni cellulari e diversi documenti di identità.

Karol Mello è stato ora portato in una prigione in Polonia e dovrebbe essere estradato in Slovacchia nel corso del prossimo mese.

(Fonte TASR)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.