I giornalisti di RTVS lamentano una “atmosfera ostile”

Un gruppo di 58 redattori e giornalisti della Radio e televisione della Slovacchia (RTVS) hanno dichiarato il proprio malcontento per la situazione esistente nel servizio di informazione dell’emittente pubblica. Nella lettera aperta si citano le tensioni tra la nuova dirigenza di RTVS e la struttura dei notiziari. Sebbene fino ad ora ammettano di aver lavorato liberamente, riferiscono di una “atmosfera ostile”, in cui la direzione di RTVS non accetta opinioni contrarie e critiche, e segnalano la possibilità di interferenze con il servizio di notizie. Nella dichiarazione i giornalisti scrivono di non essere convinti che «i nostri superiori siano in grado di proteggere lo staff editoriale da forti pressioni esterne». Una eventualità che porterebbe i radio e telegiornali di RTVS a perdere il credito guadagnato tra spettatori e ascoltatori negli ultimi anni.

Dall’azienda ha risposto il direttore generale Jaroslav Reznik, insieme ai caposervizi delle news di radio e televisione. Con una nota i dirigenti hanno affermato che la lettera non è altro che un indicatore della resistenza di redattori e giornalisti nell’accettare gli sforzi compiuti dalla nuova gestione per produrre notizie obiettive, equilibrate e imparziali. I direttori hanno criticato il modo scelto dagli editori di comunicare queste riserve sui media, al posto di condurre un dialogo costruttivo negli incontri quotidiani congiunti.

Il servizio di notizie ha subito di recente diverse carenze per i frequenti cambiamenti di personale nello staff e l’assunzione di giovani redattori inesperti che, dice la direzione, «invece di dedicare le proprie energie ad imparare il mestiere, ha deciso di fare le barricate dall’interno». I problemi, dice la nota possono essere risolti solo all’interno dell’emittente.

(Red)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*