I sindacati chiedono adeguamenti salariali per i dipendenti pubblici

I sindacati urgono il governo a presentare una proposta di adeguamento delle fasce retributive nel settore pubblico nel più breve tempo possibile, una azione che era attesa entro la fine di marzo di quest’anno. I rappresentanti della confederazione dei sindacati KOZ hanno approvato una risoluzione per chiedere all’esecutivo di rispettare l’impegno preso con il contratto collettivo di livello superiore, e si aspettano di essere convocati nuovamente al più presto per definire le soluzioni.

Se non si troverà un accordo, i sindacati hanno già avvisato che intendono fare ulteriori passi e potenzialmente entrare in stato di allerta sciopero. I sindacalisti attenderanno una proposta dall’ufficio del governo, che dovrebbe rimuovere il blocco per cui i «dipendenti della pubblica amministrazione fino all’ottavo livello sono pagati sotto il salario minimo».

L’adeguamento riguarda 28.000 dipendenti, il cui aumento degli stipendi potrebbe costare circa 350 milioni di euro.

(Red)

Foto Szymon@wikimedia

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*