Austria, l’annuncio del premier Kurz: vieteremo il velo a scuola

Dalla strada alla scuola. Vienna va avanti sul divieto di coprirsi il volto nei luoghi pubblici. Stavolta il bando tocca le scuole elementari e gli asili: il governo di Sebastian Kurz produrrà entro l’estate una legge «a tutela dei minori», anzi delle minori, per vietare alle giovani musulmane che entrano in classe di coprirsi il capo. La notizia era stata annunciata già negli scorsi giorni dal vice cancelliere dell’ultradestra Strache, è stata confermata dallo stesso cancelliere oggi, mercoledì, dopo il consiglio dei ministri.

«In Austria vogliamo che le ragazze abbiano le stesse possibilità. Questo è il motivo per cui la discriminazione, soprattutto in giovane età, deve essere eliminata», ha twittato Kurz. E ha aggiunto: «Non vogliamo che ci siano alunne di serie A e alunne di serie B». L’iter per il divieto del velo, dunque, è stato avviato dal governo conservatore d’Oltralpe, ora il parlamento dovrà approvare una legge con la maggioranza dei due terzi. E ÖVP ed FPÖ sperano di poter contare sui voti dei socialdemocratici dell’SPÖ, ma l’opposizione annuncia che si farà sentire, più per la fretta di Kurz che nel merito, e infatti il loro leader, Christian Kern non si è dichiarato del tutto contraria al provvedimento. A protestare, invece, è la comunità musulmana, che contesta le nuove linee tracciate dall’esecutivo guidato, così come non aveva accolto di buon grado il divieto totale di indossare il burqa e niqab in strada, introdotto con una legge a settembre. Divieto sfociato, dopo solo un mese dall’entrata in vigore, in alcune situazioni paradossali: il cosiddetto «Burkaverbot» dello scorso autunno, molto più restrittivo del divieto di velo che verrà introdotto ora per le alunne delle scuole, era stato lanciato con intenzioni non discriminatorie come un generico divieto di coprirsi e mascherarsi per ragioni di sicurezza. Ma nei fatti ha portato spesso a situazioni assurde come multe per chi in strada porta anche solo sciarpe troppo accollate.

[…] Continua su lastampa.it

 

Foto Garry Knight cc by (dett.)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.