Austria – Italia, guai in vista sul passaporto all’Alto Adige

Vienna tira diritto sulla concessione del doppio passaporto agli altoatesini. Oggi l’incontro in Austria, ma l’Italia non partecipa.

Ci sono tre partite politiche incrociate dietro al doppio passaporto che Vienna vorrebbe concedere ai sudtirolesi e ai ladini dell’Alto Adige. La prima è tutta interna all’Austria e riguarda i rapporti di forza tra il Partito popolare e la destra targata Fpö; la seconda si gioca sui rapporti diplomatici con Roma, ed è certo la più delicata; la terza è un anticipo di campagna elettorale a Bolzano, dove in autunno si voterà per la nuova giunta provinciale.

Vienna, per ora, tira diritto: così, oggi, al ministero degli Esteri si terrà regolarmente l’incontro convocato congiuntamente dai ministri Karin Kneissl Herbert Kickl per uno scambio d’opinioni con i capigruppo del parlamentino altoatesino. Non ci sarà l’ambasciatore Sergio Barbanti, dopo le dure parole del ministro Angelino Alfano che aveva messo in guardia il nuovo governo nero-blu dall’intraprendere iniziative non concordate su una materia delicatissima. Secondo «Die Presse», da Bolzano sarebbero partite diverse richieste di un rinvio tattico, cui però Kneissl avrebbe risposto picche.

A parte la Volkspartei e i tre partiti della destra sudtirolese, tutte le altre componenti politiche a Sud del Brennero sono sulle barricate: mentre i Verdi e Fratelli d’Italia saranno presenti all’incontro «in segno di protesta», gli altri partiti (Pd e M5S compresi) hanno respinto l’invito.

«È un tema molto scivoloso e pericoloso, bisogna stare attenti» avverte Christian Tommasini, vicepresidente in quota Pd della Provincia di Bolzano «la Svp ha espresso una posizione prudente ma non mi stupirei se l’ala più intransigente del partito scaldasse i toni».

Già, perché in Alto Adige si inizia a respirare aria di elezioni. Il governatore uscente Arno Kompatscher sarà rieletto senza patemi, ma il tema è un altro: la Volkspartei vorrebbe riconquistare la maggioranza in consiglio provinciale (18 seggi sui 35) e per fare questo potrebbe «coprirsi» a destra, facendo l’occhiolino a un elettorato tradizionalista che vede con favore il doppio passaporto in una chiave più revanscista che europeista.

La Farnesina segue con attenzione l’evolversi della situazione. Nell’ormai lontano 1992, con la concessione della cosiddetta quietanza liberatoria, l’Austria dichiarò chiusa la vertenza internazionale legata alla questione altoatesina, riconoscendo che l’Italia aveva adempiuto ai suoi obblighi internazionali di tutela delle minoranze etniche. Mentre gli ultranazionalisti austriaci considerano la doppia cittadinanza un «fatto interno», la nostra diplomazia la valuta come una bomba a orologeria.

Secondo la stampa viennese, sinora tiepida sulla vicenda, il cancelliere Sebastian Kurz sarebbe intenzionato a prendere tempo, perorando la dilazione della discussione sulla riforma in Parlamento. La nuova legge sul diritto di cittadinanza dovrebbe integrare tre nuove fattispecie: gli austriaci residenti in Gran Bretagna cui, in virtù della Brexit, servirà il passaporto inglese; i discendenti delle vittime austriache del nazismo (in chiave simbolicamente risarcitoria) e, appunto, gli altoatesini di madrelingua tedesca e ladina.

«La Svp soffia sul fuoco ma non ne farà una bandiera» commenta da Bolzano il capogruppo di Fdi, Alessandro Urzì. «Sarebbe un ulteriore motivo di divisione etnica», gli fa eco Paul Köllensperger di M5S mentre per Riccardo Dello Sbarba dei Verdi «va ricordato che è stata per prima l’Italia a disattendere la Convenzione europea per la limitazione della doppia cittadinanza, concedendola alle sue minoranze in Croazia e Slovenia».

Certo, qui parliamo di ben altre cifre: in base al censimento del 2011, Roma si potrebbe teoricamente trovare con 335.152 suoi cittadini col doppio passaporto, pari al 74 per cento degli abitanti dell’Alto Adige.

(Paolo Cagnan, lastampa cc by nc nd)


Foto BKP cc by sa

1 Commento

  1. questa gente dell alto adige non si sentono italiani vogliono prima lingua tedesca a scuola cartelli autostradali ed insegne in tedesco ecc ecc quindi io direi chi non ama l italia perche non prende i suoi stracci vende casa e se ne torna in austria dove sicuramente sara trattato e vivrebbe molto meglio e non mi vengano a dire che quella e la loro terra si certo pero e italia non austria devono metterselo bene in testa una volta per tutte almeno per rispetto di tutti i morti italiani della prima guerra mondialein . Oggi, il Trentino-Alto Adige è una regione con uno statuto speciale che garantisce una vasta autonomia e mezzi finanziari parecchio al di sopra rispetto alle altre regioni d’Italia.questo pero a loro piace moltissimo anche se si tratta di fondi italiani i governi italiani in passato sono stati troppo clementi con questa regione dove ancora tuttoggi vengono disprezzati
    gli abitanti di origine italiana e dove pensano di essere in un loro stato privato e non in italia tanto per cominciare bisognerebbe taglirgli un po di fondi e metterli al pari delle altre regioni nelle scuole italiane la prima lingua e l italiano non il tedesco cartelli stradali insegne devono essere scritte tutte in italiano un cittadino italiano che viaggia nel suo paese non deve trovarsi in difficolta perche non parla tedesco ma siamo impazziti ma ripeto i governi passati sono stati troppo clementi con questa regione ma si puo ancora fare qualche cosa basta avere la volonta e non avere paura dei loro protettori austriaci ripeto e suolo italiano non austriaco e si devono rispettare le leggi italiane che valgono per tutte le regioni compreso l alto adige e non cambiarle in esclusiva per loro chiaro

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*