Annullata la manifestazione di domani “Per una Slovacchia decente”

Gli organizzatori delle manifestazioni “Per una Slovacchia dignitosa” hanno deciso di annullare l’evento programmato per domani, venerdì 23 marzo, riferendosi alla nomina del nuovo governo, che non si aspettavano avvenisse così velocemente. Abbiamo rappresentato fin dall’inizio «la voce delle persone, e siamo orgogliosi di ciò che abbiamo raggiunto. Siamo ora ​​giunti a un punto in cui riteniamo che i prossimi passi possono dividere la società». Dalla nostra posizione civica, continuano, «possiamo dire che ci sono azioni che dovrebbero svolgersi nelle strade e passaggi che dovrebbero svolgersi in Parlamento. Ci sono momenti non facili, ma cono parte di quello che significano libertà, responsabilità e decenza: le persone dignitose rispettano la Costituzione».

Venerdì 16 marzo la protesta aveva raggiunto numeri riguardevoli: si sono stimate 65.000 persone sulla piazza di Bratislava dedicata alla resistenza nella seconda guerra mondiale, e altre decine di migliaia nelle manifestazioni organizzate in numerose città slovacche e anche in diverse capitali europee e del mondo da slovacchi residenti all’estero. Numeri che non si verificavano dai tempi della Rivoluzione di velluto, quando la gente lottava per la libertà e aveva speranza in un futuro migliore.

 

Dnes pán prezident Kiska vymenoval novú vládu. Preto sme sa rozhodli, že v piatok sa v Bratislave zhromaždenie „Za…

Posted by Za slušné Slovensko on 22. marec 2018

Gli organizzatori, continuano, ricordando che «non vanno da nessuna parte, e controlleranno da vicino i cambiamenti del sistema» che il nuovo governo si è impegnato a realizzare presto. L’impegno è ora quello di creare una piattaforma civica con il motto Per una Slovacchia dignitosa, con «l’intento di promuovere l’impegno civico e riunire le persone per una Slovacchia giusta e decente». In ogni caso, come dice la citazione della frase pronunciata beffardamente dall’ex premier Fico nel dare le dimissioni («non vado da nessuna parte», intendendo che rimane a comandare dietro le quinte), i manifestanti «non vanno da nessuna parte» e  sono «pronti a scendere di nuovo in piazza in qualsiasi momento».

Gli organizzatori sottolineano di voler avviare varie forme di pressione civile perché le indagini sul duplice omicidio di Jan Kuciak e della fidanzata Martina Kusnirova producano dei risultati, e per assicurarsi che in futuro non ci saranno più sospetti legami tra le istituzioni statali e il crimine organizzato.

Pochi minuti fa gli organizzatori hanno postato su Facebook un video in cui spiegano le loro ragioni:

Nekončíme! Meníme len formu, akou budeme vyvíjať občiansky tlak

Nekončíme! Toto je však podľa nás najzodpovednejší krok, aký môžeme spraviť.

Posted by Za slušné Slovensko on 22. marec 2018

(Red)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.