Più di mezzo milione di bambini indiani fumano

Marketing invadente, prezzi bassi e politiche di contrasto insufficienti hanno portato a una crescita enorme del fenomeno.

In India ci sono oltre 625mila bambini di età compresa tra i 10 e i 14 anni che fumano sigarette ogni giorno. È quanto emerge dall’ultima edizione del rapporto The Tobacco Atlas, pubblicato all’inizio di marzo 2018.

L’indagine, condotta in partnership dalla American Cancer Society e dall’associazione no-profit Vital Strategies, stima che nel paese ci siano in particolare 429mila bambini e poco meno di 200mila bambine che fumano abitualmente sigarette. I dati sono stati raccolti nel 2015.

In termini percentuali l’India ha meno fumatori bambini rispetto alla media dei paesi con indice di sviluppo umano ‘medio’, come Vietnam, Sudafrica, Bangladesh e Nepal. Tuttavia, come emerso da una recente inchiesta dell’agenzia di stampa britannica Reuters, i giovani indiani sono stati scelti come target di riferimento da imponenti campagne di marketing organizzate dai maggiori colossi mondiali del tabacco.

Le nuove generazioni vengono attirate con pubblicità colorate e può capitare che le sigarette vengano offerte gratuitamente durante feste frequentate da teenager. Si tratta di pratiche commerciali adottate in violazione delle leggi indiane sul fumo. Le autorità hanno provato a contrastare il fenomeno, ma senza risultati.

[…]

Continua su TPI

 

Foto hmrcgovuk cc by

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*