Arrestato per minacce e percosse Sebastiano Vadalà, fratello di Antonino

Dopo quello di Antonino Vadalà, la polizia ha compiuto ieri anche l’arresto del fratello Sebastiano, accusato di minacce pericolose e di condotta aggressiva continuata. Sull’italiano 45enne, che risulta vivere allo stesso indirizzo del fratello a Trebisov, nella regione di Kosice, è stata presentata dal procuratore una richiesta di custodia cautelare per il rischio di fuga dell’imputato, per la sua possibile intimidazione dei testimoni e infine per evitare il proseguimento delle attività criminali per cui è stato fermato. Il tribunale di Kosice dovrà decidere se confermare la sua detenzione entro 48 ore.

Secondo la mozione del procuratore, Sebastiano Vadalà è accusato di avere aggredito fisicamente un certo Martin L. il 13 e 14 settembre 2017. Nel primo caso, tentando di soffocarlo e minacciandolo di morte. Nel secondo, colpendolo più volte con pugni al volto perché lasciasse in pace la sua fidanzata. L’imputato ha presentato una denuncia contro l’accusa. Il pubblico ministero ha respinto la denuncia in quanto infondata, ha detto un portavoce della procura di Kosice. Ora l’imputato rischia una condanna fino a tre anni di reclusione.

(Red)

Foto Victor cc by

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*