Voto degli italiani all’estero i nomi di tutti gli eletti

Sono stati praticamente assegnati i 18 seggi del voto degli italiani all’estero, malgrado una nota del ministero dell’Interno abbia reso noto che lo scrutinio non è definitivo in quanto mancano alcuni verbali che sono stati trasmessi, come previsto dalla legge, alla corte d’appello. Dei 12 seggi in palio alla Camera, 5 vanno al Pd, 3 al centrodestra e uno rispettivamente a M5s, Maie, Usei e +Europa. Dei 6 seggi al Senato, il Pd e il centrodestra ne conquistano 2. Nessun seggio ai Cinquestelle mentre ne prendono uno ciascuno Maie e Usei.

Sebbene manchino ancora un certo numero di scrutini (68 su 1858 per la Camera e 66 per il Senato) – al momento l’unica ripartizione elettorale della circoscrizione Estero dove le operazioni si sono concluse è il Nord e Centro America -, lo scenario del dopo-elezioni si è delineato ed emergono evidenti anche i nomi dei 12 deputati 6 senatori che andranno a rappresentare i connazionali all’estero in Parlamento.

Ecco dunque chi sono gli eletti all’estero, salvo improbabili sorprese dell’ultimo minuto, della XVIII legislatura.

Partiamo dalla Camera dei Deputati. Qui a rappresentare l’Europa ci saranno tutti nuovi deputati: i due PD Massimo Ungaro (Regno Unito, eletto con 14.434 preferenze) e Angela Schirò (Germania, 11.473), Simone Billi in quota Lega nella coalizione di centrodestra (Svizzera, 13.705), Elisa Siragusa (Regno Unito, 8.322) del M5S e Alessandro Fusacchia (3.575) di +Europa. Dal Sud America torna Mario Alejandro Borghese (Argentina, 26.184) del MAIE, affiancato da Eugenio Sangregorio (Argentina, 35.923) dell’USEI, Fausto Guilherme Longo (Brasile, 8.906) del PD – già senatore della passata legislatura – e Luis Roberto Di San Martino Lorenzato Di Ivrea (Brasile, 11.106) in quota Lega nella coalizione di centrodestra. Dal Centro e Nord America due volti già noti: quello di Fucsia Fitzgerald Nissoli (Usa, 6.739) riconfermata con Forza Italia e la coalizione di centro destra e Francesca La Marca (Canada, 8.605) che torna anche lei, sempre con il PD. Dall’Australia arriva infine Nicola Carè (Australia, 2.874), eletto col PD nella ripartizione Africa-Asia-Oceania-Australia.

Quanto al Senato, ci sono anche qui, tra i sei eletti, riconferme, volti nuovi e rientri. In Europa sono stati eletti Laura Garavini (Germania, 34.946) del PD e Raffaele Fantetti (Regno Unito, 13.256) in quota FI per il centrodestra, che torna dopo l’esperienza nella XVI legislatura; in Sud America trionfo di Ricardo Merlo (Argentina, 52.739) del MAIE – il più votato all’estero – e Adriano Cario (Argentina, 21.868) dell’USEI; in Nord e Centro America è stata eletta Francesca Alderisi – unica candidata non residente all’estero, ma volto noto per i connazionali, perché a lungo su Rai Italia – con FI (10.994); dall’Australia rientra infine a Palazzo Madama Francesco Giacobbe (Australia, 2.799) del PD.

In totale si tratta di 6 donne, tre in Europa e tre in Nord America, su 18 parlamentari eletti, un terzo della rappresentanza. I nuovi eletti portano anche una ventata di freschezza, specie se si guarda all’Europa. È da qui che arrivano infatti i tre parlamentari più giovani: Angela Schirò ed Elisa Siragusa, entrambe di 32 anni, battute solo da Massimo Ungaro, 30 anni, 12 dei quali passati a Londra. 

(r.aronica/aise, BS)

Illustr: BSlovacchia

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.