Legge di sostegno agli investimenti, Fico: maggiore appoggio all’Est Slovacchia

La nuova legge approvata recentemente dal Parlamento slovacco per il sostegno pubblico agli investimenti regionali introduce alcune nuove funzionalità per gli aiuti di sostegno pubblico investimenti, tenendo conto di tre aspetti fondamentali.

Il primo aspetto è la qualità. «Non stiamo più cercando di attirare investitori che vogliono creare semplicemente centri di assemblaggio in Slovacchia», ha affermato il ministro dell’Economia Peter Ziga. Abbiamo invece bisogno di chi investe in nuove tecnologie, ricerca e sviluppo.

Il secondo aspetto è il supporto alle regioni e alle località meno sviluppate, mentre il terzo è legato alla necessità di attrarre investitori nel settore dei centri di servizi alle imprese. Quest’ultimo comparto è diventato il terzo più grande datore di lavoro in Slovacchia, dopo l’industria automobilistica e l’ingegneria elettrotecnica.

La legge stabilisce che possono richiedere sovvenzioni i centri di servizi congiunti che offrono ai lavoratori uno stipendio superiore alla media, ma anche chi investe senza prevedere la creazione di nuovi posti di lavoro a causa della forte diminuzione della disoccupazione nel paese. Nelle regioni più sviluppate saranno valutati solo i progetti di investimento nella ricerca e le tecnologie di alta qualità. I benefici fiscali non saranno più approvati dal governo, ma dai ministeri dell’Economia e delle Finanze, e tutti i progetti approvati saranno soggetti a monitoraggio. Il governo sottolinea la necessità di sostenere le regioni meno sviluppate, dove nel 2017 le sovvenzioni sono state concesse solo per quattro progetti di investimento dei 15 approvati.

In Slovacchia, l’anno scorso sono state create 20.025 nuove società, con un aumento su base annua del 3%. Ci sono 206 società per azioni e 19.819 società a responsabilità limitata, che rappresentano quasi un decimo delle società attualmente esistenti nel mercato slovacco, per un totale di 259.352, secondo la società di consulenza Bisnode.

La maggior parte delle nuove società sono state create nelle regioni di Bratislava (6.275 aziende in totale, di cui 6.149 sono società a responsabilità limitata e 126 società di azioni), Nitra e Kosice.

Secondo il primo ministro Fico, la legge, che entrerà in vigore da aprile, ha tre obiettivi primari: eliminare le disparità regionali, trasformare quella slovacca in una economia moderna e fare ulteriormente crescere i salari. In una conferenza stampa il premier ha sottolineato come «Stiamo riscrivendo i dati storici in termini di disoccupazione e occupazione». Rimangono tuttavia delle differenze, ha ammesso, e mentre alcune aree della Slovacchia sono in grande sviluppo, da altre zone la gente parte per andare a trovare lavoro altrove. «Stiamo assistendo allo spopolamento dei villaggi, a famiglie incomplete, ma la nuova legislazione dovrebbe rispondere a queste problematiche», ha detto Fico.

Due terzi dei nuovi progetti di investimento sono diretti ora verso le regioni della Slovacchia centro-orientale, dove più c’è bisogno di lavoro e sviluppo, ha detto il primo ministro, e dove è ancora relativamente possibile trovare forza lavoro disponibile, un fattore che è diventato raro nelle regioni dell’ovest slovacco.

(Fonte BDE, Red)

Foto Gotcredit.com cc by

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

febbraio: 2018
L M M G V S D
« Gen    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google