Embraco: il ministro Calenda incontra i vertici a Torino e minaccia guerra

Il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha incontrato ieri a Torino, insieme ai rappresentanti dei lavoratori, i vertici di Embraco, e li ha minacciati di ritorsioni in caso l’azienda non ritiri i licenziamenti già inviati per quasi 500 dipendenti. Alla fine dell’incontro, avvenuto simbolicamente in prefettura di Torino, Calenda ha detto secondo Repubblica «Se l’azienda deciderà di andare avanti per me è una dichiarazione totale di guerra al governo italiano, e come tali saranno trattati». Ha dato tempo una settimana ai dirigenti per revocare i licenziamenti, ottenendo da Embraco una timida apertura a valutare l’opzione, che tra qualche giorno comunicherà la decisione, che sarà presa più in alto, dalla capogruppo Whirlpool. Un passo avanti, dicono i sindacati, anche se non sufficiente a stare tranquilli, perché la vera sfida sarà costringere l’azienda a fare azioni concrete per la reindustrializzazione del sito di Riva di Chieri, dove si dovrà trovare un nuovo investitore. Prossimo appuntamento a Roma, al ministero, il 15 febbraio.

Embraco ha annunciato qualche mese fa la decisione di chiudere l’impianto italiano per trasferire altrove la sua produzione di compressori per frigoriferi. Tra i siti più probabili per rimpiazzare i prodotti italiani c’è quello slovacco di Spisska Nova Ves, dove il costo del lavoro è decisamente più ridotto.

Calenda ha detto tra le altre cose di avere sentito il ministro degli Esteri Alfano chiedendogli di «avviare una procedura formale in Europa nei confronti della Slovacchia». Lo scopo è verificare se c’è stato un accordo fiscale «fra il governo slovacco e l’Embraco che possa essere discriminatorio». In questo caso, l’Italia valuterebbe l’idea di fare «una denuncia per aiuti di Stato» illeciti.

Intanto Papa Francesco, che ha incontrato alcuni dei dipendenti di Embraco mercoledì dopo l’udienza generale, ha detto loro: «Dovete lottare e dovete avere fede anche nella lotta»

(Red)

Foto Ente75 CC0

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.