Venticinque anni fa nasceva la corona slovacca come valuta

Il 2 febbraio 1993 fu varata dal Parlamento slovacco la legge sulla separazione monetaria, che introdusse la corona slovacca (slovenská koruna), nuova moneta della Repubblica Slovacca, allora neonata con appena un mese di vita dopo la scissione della Cecoslovacchia in due Stati nazionali il 1° gennaio 1993.

Sei giorni dopo, l’8 febbraio a partire dalla mezzanotte, la nuova valuta cominciò ad essere accettata come pagamento nella Repubblica Slovacca e nel mondo, con la sigla internazionale SKK, abbreviata in Sk, sostituendo la precedente corona cecoslovacca (CSK). Una valuta con lo stesso nome, slovenská koruna, era in vigore anche durante la prima repubblica slovacca, tra il 1939 e il 1945. Entrambe erano suddivise in 100 centesimi, chiamati haliere (abbreviati in h).

La corona sopravvisse fino al 31 dicembre 2008, quando fu sostituita dall’euro il 1° gennaio 2009, al tassi di cambio di 30,1260 corone slovacche per un euro.

Dal 1993 al 2008 le corone esistevano in banconote, nei tagli da 20, 50, 100, 200, 500, 1000 e 5000 koruny, e in monete da 1, 2, 5 e 10 corone e da 10, 20 e 50 haliere.

(Red)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.