UNICEF: è allarme analfabetismo nel mondo

Circa 3 giovani su 10 fra i 15 e i 24 anni – 59 milioni – che vivono in Paesi colpiti da conflitti disastri sono analfabeti, un numero triplicato rispetto al tasso globale. A denunciarlo è l’UNICEF, che indica Niger, Ciad, Sud Sudan e Repubblica Centrafricana – tutti con una lunga storia di instabilità e alti livelli di povertà – come i Paesi in cui si registrano i tassi di analfabetismo più alti fra i giovani,: le percentuali sono, rispettivamente, del 76%, 69%, 68% e 64% dei giovani fra 15 e 24 anni incapaci di leggere o scrivere.

“Questi numeri ci ricordano il drammatico impatto che le crisi hanno sull’istruzione dei bambini, sul loro futuro e sulla stabilità e la crescita delle loro economie e società”, ha dichiarato il direttore generale dell’UNICEF, Henrietta H. Fore. “Un bambino senza istruzione che diventa un giovane non alfabetizzato, in un Paese distrutto a causa di conflitti o disastri, potrebbe rimanere escluso da molte possibilità”.

Questa nuova analisi, calcolata utilizzando i tassi di alfabetizzazione dell’UNESCO in 27 Paesi in emergenza e inclusa nell’Humanitarian Action for Children, l’appello dell’UNICEF per l’intervento umanitario del 2018, è stata lanciata in vista della conferenza di rifinanziamento della Global Partnership for Education, che si tiene questa settimana a Dakar, in Senegal.

L’analisi evidenzia inoltre che le ragazze e le giovani donne sono quelle con uno svantaggio maggiore nella lettura e nella scrittura: il 33% di loro in Paesi in situazioni di emergenza non riesce ad apprendere neppure le basi, rispetto al 24% dei ragazzi.

Nonostante questo importante ruolo per ridurre le disuguaglianze, l’istruzione rimane fortemente sotto finanziata. Attualmente, solo il 3,6% dei finanziamenti umanitari va all’istruzione dei bambini che vivono in emergenza, rendendolo uno dei settori meno finanziati degli appelli umanitari. In generale, l’UNICEF stima che, nei prossimi quattro anni, spenderà approssimativamente 1 miliardo di dollari ogni anno in programmi per l’istruzione. Soltanto ieri, l’UNICEF ha lanciato un appello umanitario di 900 milioni di dollari per l’istruzione in Paesi colpiti da conflitti e disastri naturali.

L’UNICEF lavora in Paesi in tutto il mondo per portare i bambini a scuola e verso percorsi di apprendimento, anche fornendo opportunità di apprendimento non formale e rapido, formando gli insegnanti, riabilitando le scuole e distribuendo materiale e articoli scolastici.

In Africa centrale e orientale, dove si trovano i Paesi in stato di emergenza con il tasso più alto di analfabetismo fra i giovani, al 39%, e dove verrà ospitata la terza conferenza per il rifinanziamento, l’UNICEF lavora con diversi partner per aiutare i bambini ad apprendere nonostante conflitti e insicurezza. Una partnership con i governi del Camerun e del Niger, per esempio, sta aiutando a diffondere un programma radiofonico innovativo per l’istruzione, che offre una piattaforma di apprendimento alternativa per i bambini e i giovani in paesi colpiti da crisi. Sono trasmessi via radio oltre 144 episodi per l’alfabetizzazione e le abilità di calcolo in francese, fula, hausa e kaori. Il programma sarà presto introdotto anche in Burkina Faso, Repubblica Centrafricana, Guinea e Guinea Bissau.

L’UNICEF invita i governi e altri partner ad agire per contrastare la crisi dell’istruzione che colpisce i bambini e i giovani in situazioni di emergenza: fornendo ai bambini accesso a programmi di apprendimento di qualità per la prima infanzia per supportare il loro sviluppo e per prepararli a continuare ad apprendere durante la loro infanzia; offrendo ai giovani non alfabetizzati l’opportunità di imparare a leggere e a scrivere e approfondire la loro istruzione attraverso alternative appositamente progettate e programmi di apprendimento rapido; e aumentando gli investimenti nel settore dell’istruzione, in particolare per i giovani e i bambini più svantaggiati.

“L’istruzione può salvare o distruggere il futuro di un bambino”, ha dichiarato Fore. “Per tutti i bambini, la chiave per usufruire pienamente dei benefici dell’apprendimento è avere un’istruzione della migliore qualità possibile, il più presto possibile”.

(aise)

Foto UnicefEthiopia cc by nc nd

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.