Gli slovacchi possono aprire conti bancari da remoto con la carta d’identità elettronica

In seguito a una revisione della legge sul riciclaggio approvata ieri dal parlamento, le banche potranno accettare dai clienti le loro carte di identità elettroniche per aprire nuovi conti correnti. Le banche avranno accesso diretto al sistema di identificazione elettronica statale, probabilmente a partire dal 1° marzo di quest’anno, e potranno verificare l’identità del cliente e utilizzare diverse altre funzionalità di sicurezza. Potranno così consentire l’apertura dei conti da remoto, senza necessità per il cliente di passare fisicamente in filiale a firmare tutti i documenti.

Questa facilitazione nel fare l’itera operazione con sistemi digitali era già offerta da banche tedesche e austriache, e secondo quanto afferma il vice primo ministro per l’Informatizzazione Peter Pellegrini è già stata utilizzata, proprio in istituti stranieri, da migliaia di slovacchi. La modifica legislativa ha tra gli altri obiettivi quello di riportare tali clienti verso gli istituti bancari in Slovacchia, ed eventualmente attirare anche altri cittadini comunitari di paesi che ancora non offrono tale metodologia.

L’Associazione bancaria slovacca (SBA) sottolinea come questa novità porterà a un rafforzamento della competitività delle banche slovacche in Europa.

(Red)

Foto sdho cc by

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.