Disoccupazione in Slovacchia: 5,94% a dicembre 2017

Proseguendo la lunga serie statistica positiva, con la flessione di un centesimo percentuale rispetto al mese precedente il tasso di disoccupazione in Slovacchia è sceso a dicembre 2017 al 5,94%. Si tratta di una riduzione su base annua del 2,82%, rispetto al dicembre 2016 quando il tasso era risultato pari all’8,73%. In una conferenza stampa a Bratislava il direttore generale del Centro nazionale del lavoro (UPSVaR) Marian Valentovic, insieme al ministro del Lavoro Jan Richter (Smer-SD), ha detto ieri che il numero di persone in cerca di lavoro registrate negli uffici del lavoro era di 161.915 a dicembre, in calo di 76.062 unità su base annua.

Le maggiori riduzioni del tasso nel mese di dicembre sono state registrate nelle regioni di Bratislava e Presov (-0,07% sul mese precedente per entrambe), mentre la regione che aveva la maggiore disoccupazione nel mese in esame era quella di Kosice dove il tasso di senza lavoro è risultata pari al 9,94%. Il distretto con maggiore disoccupazione era Rimavska Sobota (18,48%), mentre quello più virtuoso è stato Trnava (1,98%).

Velentovic ha spiegato che a dicembre si è registrato un calo delle assunzioni nelle imprese, come del resto era atteso, il che è risultato in un modesto miglioramento del tasso di senza lavoro. In dicembre erano comunque disponibili oltre 69 mila posti di lavoro vacanti in Slovacchia: 5 mila in meno del mese precedente ma oltre 34 mila in più di un anno prima. A beneficiare della maggiore offerta di posti di che il maggior numero di posti di lavoro è stata la regione di Bratislava (quasi un quarto del totale), mentre il numero più basso di offerte era nella regione di Banska Bystrica (un posto su quindici).

Secondo Richter, il ministero del Lavoro si aspetta entro quest’anno un ulteriore calo della disoccupazione di un altro punto percentuale, un obiettivo che lui giudica realistico considerando gli sviluppi previsti dell’economia e la domanda di lavoratori che continueranno a fare il loro effetto. Rispondendo ai giornalisti, il ministro ha comunque anche ammesso che per soddisfare le necessità delle imprese in Slovacchia, nel 2018 sarà imprescindibile rilasciare più permessi di lavoro a persone provenienti da paesi terzi extra-UE.

(Red)

Foto Upsvar

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*