Governo: più poteri al vice premier Pellegrini sui fondi di sostegno UE

Come da proposta del vice primo ministro Peter Pellegrini, mercoledì il governo ha aumentato i poteri del suo Ufficio per gli Investimenti e l’Informatizzazione, che si occuperà anche del coordinamento degli strumenti finanziari di sostegno dell’Unione europea. Questi strumenti offrono la possibilità di unire reti strategiche e partenariati nello spazio europeo e rafforzare il valore aggiunto europeo delle misure da essi sostenute, dice il documento approvato, dal titolo Coordinamento degli strumenti di sostegno dell’UE e Strategie macroeconomiche in Slovacchia.

L’ammontare dei fondi disponibili in questi strumenti di supporto supera i 100 miliardi di euro, e attualmente la quota di partecipazione della Slovacchia è molto bassa. Considerato che il senso di tali dispositivi sta crescendo e sarà ancora più importante dopo il 2020, è necessario, dice la relazione, mettere in atto un coordinamento nazionale più efficace.

Nel periodo di programmazione finanziaria 2014-2020 l’ufficio di Pellegrini è responsabile in Slovacchia del coordinamento e gestione dei fondi strutturali e di investimento europei (ESIF), che è parte significativa dei fondi di sostegno dell’UE. Con i nuovi poteri l’ufficio si occuperà anche del lancio di un portale informatico comune per l’utilizzo dei fondi UE allo scopo di accrescere l’informazione sulle possibilità di aderire ai programmi operativi di finanziamento.

(Red)

Foto nrsr.sk

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*