Tutti a Davos per rassicurare il mondo

I teorici dello Zeitgeist ne avevano suonato il de profundis. Davos, l’appuntamento prescelto dalle elite globaliste, avrebbe dovuto soccombere alla crisi del mondo aperto. E invece: Narendra Modi, Theresa May, Emmanuel Macron, Jean Claude Juncker, Justin Trudeau, Paolo Gentiloni, per citare i più noti. Ci sarà perfino Donald Trump con due ministri (Tex Tillerson, Wilbur Ross) e il consigliere preferito, il genero Jared Kushner. Dare una spiegazione del perché il più protezionista dei presidenti americani abbia deciso di volare fino al Cantone dei Grigioni (non accadeva da quasi vent’anni) non è immediato. Cambiare aria mentre impazza il Russiagate? Pubbliche relazioni per un presidente in crisi di consenso? Un segno di pace ai partner commerciali? «Nessuno, né Paese, né leader, può risolvere da solo le questioni dell’agenda globale e nessun problema può essere risolto in modo isolato», spiega l’abile patron del World Economic Forum Klaus Schwab.

La corsa al forum sulle montagne svizzere

Ad esempio: a Davos quest’anno farà un po’ meno freddo del solito (le temperature oscillano fra +6 e -8 gradi centrigradi), quasi a voler ricordare l’urgenza di condividere il problema del clima. Migliaia di persone lavorano giorno e notte per preparare l’arrivo di settanta capi di Stato, trentotto leader di organizzazioni internazionali, quasi duemila fra uomini e donne d’affari. Sul corso pedonale sono già spariti i negozi di sci, parrucchieri e panettieri. Ogni marchio globale ha pagato a peso d’oro quattro giorni di spazi per avere il proprio quartier generale fra le montagne svizzere.

Il “Global risk report”

Mai come quest’anno il titolo del summit è quello giusto: «Creare un futuro condiviso in un mondo frammentato». Secondo il “Global risks report” le cinque più grandi preoccupazioni per chi fa impresa quest’anno sono la disoccupazione, i fallimenti dei governi, i rischi di crisi fiscali indotte da cattiva gestione dei conti pubblici, il timore per nuove bolle finanziarie, e solo al quinto posto le conseguenze di cyber attacchi. Il 93 per cento dei circa mille intervistati sono convinti che i rapporti internazionali peggioreranno, l’80 per cento teme nuove guerre. L’eloquio di Trump ha probabilmente alterato la percezione, eppure gli va dato atto che dopo aver fatto la voce grossa con Kim fra le due Coree sembra essere esplosa la pace.

I temi e le incognite

Insomma, la sensazione è che le elite globali temano l’inazione (o peggio, le cattive azioni) della politica di fronte ai fenomeni del nostro tempo. C’è la May nel guado della Brexit, la Merkel ancora senza governo, l’Italia in attesa di elezioni il cui esito è tutt’altro che chiaro. Intanto il mondo è inondato di liquidità e per chi investe in Borsa è una gran festa: il rapporto accenna alla mai sopita “esuberanza irrazionale” dei mercati e ai rischi di una nuova e brusca correzione. Nel solo 2017 i titoli del Dow Jones sono saliti del 25 per cento, l’S&P 500 e il Nikkei di Tokyo del 19, il Dax dell’11 per cento, l’Hang Seng di Hong Kong addirittura del 35. Il rapporto calcola che a metà del 2017 sui mercati circolavano nove trilioni di dollari di obbligazioni con tasso negativo: è la conseguenza dei programmi di stimoli voluti da un po’ tutte le banche centrali del mondo, Bce in testa. In fondo, quella è stata l’unica risposta concreta all’inazione della politica. Una supplenza che però dovrà venire meno molto in fretta, pena un nuovo tonfo globale. C’è chi ricorda accada puntualmente ogni dieci anni. L’ultima volta è accaduto nel 2008.

(Alessandro Barbera @alexbarbera, La Stampa cc-by-nc-nd)


Foto WEF cc by nc sa
Eugene Kaspersky cc by nc sa

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.