Le banche devono condividere i dati dei clienti con terze parti

È entrata in vigore il 13 gennaio in tutta Europa, e dunque anche in Slovacchia, la direttiva UE PSD2 sui servizi di pagamento nel mercato interno, che obbliga le banche a condividere i dati dei propri clienti con terze parti, dopo il consenso dei clienti stessi. Interessate a questi dati sono, ad esempio, le aziende che si occupano di tecnologie di pagamento, per le quali sarà facilitato il compito di provvedere ai pagamenti e altri servizi nel mercato europeo. La Banca Centrale Slovacca NBS supervisionerà tutti i nuovi strumenti finanziari in quanto necessiteranno della propria certificazione. La direttiva riduce il limite di responsabilità delle banche per i pagamenti non autorizzati da 150 a 50 euro.

La direttiva vieta ai rivenditori di addebitare commissioni aggiuntive per i pagamenti con carta di credito o debito. La misura, secondo la commissione UE spingerà i rivenditori a negoziare condizioni migliori con i gestori delle carte. La direttiva richiede anche l’uso di autenticazione rafforzata, ad esempio con conferma tramite codice via SMS, nei pagamenti online.

(Red)

Foto Robert cc-by

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.