Ufficio vicepremier per Investimenti vuole più poteri in gestione fondi UE

Nell’ambito del sostegno alle politiche macro-regionali, l’Ufficio del vice premier per gli Investimenti e l’Informatizzazione Peter Pellegrini (Smer-SD) dovrebbe ricevere maggiori competenze nel coordinamento degli strumenti di finanziamento dell’UE. Questo emerge da una proposta di legge sul coordinamento delle strategie macro-regionali dell’UE in Slovacchia, che il governo dovrebbe discutere tra breve. Gli strumenti di cui si parla “offrono opportunità di investire nelle reti strategiche e di partnership in UE, e ampliano il valore aggiunto dell’Europa”, dice il documento, secondo il quale i fondi a disposizione valgono oltre 100 miliardi di euro. La necessità di un maggior coordinamento degli strumenti di finanziamento è data loro accresciuta importanza in questi anni, e la loro rilevanza è prevista crescere ancora dopo il 2020.

Nel frattempo, le risorse europee a favore dell’agenda digitale, lo sviluppo dell’ambiente imprenditoriale e l’attuazione dell’agenda 2030 della Slovacchia per lo sviluppo sostenibile potrebbero essere gestite dall’Ufficio del vice premier per gli Investimenti e l’Informatizzazione, secondo una proposta dello stesso Peter Pellegrini che dirige l’ufficio. Il provvedimento, che potrebbe entrare in vigore da maggio 2018 dovrà stabilire scopo, condizioni, portata e modalità per l’erogazione dei finanziamenti UE, cui si potranno candidare scuole, governi amministrazioni locali, imprenditori, fondazioni o associazioni civiche.

(Red)

Illustr geralt CC0

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*