Quante parole usano davvero gli eschimesi per la neve?

Gli eschimesi hanno 50 parole per la neve. Oppure sono 100? 1000? Il numero esatto cambia a seconda della fonte che usiamo, che potrebbe essere tanto la Settimana enigmistica quanto un testo universitario. Questi fattoidi sono figli di quella che sembra un leggenda metropolitana nata nell’accademia, simile a quella del decimale spostato degli spinaci di Braccio di ferro. Nel libro Word Myths: Debunking Linguistic Urban Legends (Oxford University Press, 2008) Dave Wilton paragona la nascita della leggenda a una palla di neve lungo un pendio che diventa una valanga.  Nel 1911 l’antropologo Franz Boas aveva scritto nell’introduzioneHandbook of American Indian languages che gli eschimesi usavano quattro parole con radici distinte per descrivere diversi tipi di neve. Allo stesso modo, spiegava l’autore, l’inglese usa radici diverse per parole legate all’acqua (liquid, lake, rain, river ecc…). La prima superficiale osservazione su come come gli eschimesi chiamavano la neve non sottintendeva quindi nessuna eccezionalità. Al contrario rifletteva su come lingue diverse derivano o meno parole dalla stessa radice per esprimere concetti associati e sulla relazione tra linguaggio e ambiente.

Il mito nasce trent’anni grazie a Benjamin Lee-Whorf, lo stesso della discussa teoria Sapir-Whorf portata sul grande schermo l’anno scorso da Arrival. Whorf, linguista autodidatta (era ingegnere chimico), tornò a parlare del linguaggio degli eschimesi, ma l’osservazione di Boas fu interpretata in maniera totalmente diversa.

A differenza dei parlanti inglese secondo Whorf gli eschimesi avevano ben sette (e non più quattro) parole diverse per la neve, una dimostrazione del fatto fatto che la lingua determina il modo di pensare e percepire la realtà (l’interpretazione più rigida della Sapir-Whorf, o relativismo linguistico): con più termini gli eschimesi possono riconoscere tipi di neve, che per un parlante inglese che usa snow non esisterebbero nemmeno. […continua…]

Continua a leggere su Wired


Foto Maurizio Ceol cc by

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.