AZZZ: l’innalzamento del salario minimo è contro il programma di Governo

L’Associazione dei sindacati dei datori di lavoro (AZZZ) commenta la decisione di innalzare il salario minimo del 3% come un controsenso rispetto al Manifesto del Governo, ha dichiarato il vicepresidente di AZZZ, Rastislav Machunka, secondo il quale il Governo aveva promesso misure finalizzate alla creazione di posti di lavoro. «Questa dovrebbe essere la via per il recupero dell’economia slovacca, in maniera tale che possa generare introiti in tasse e migliorare la situazione economica e sociale delle persone».

L’innalzamento del minimo salariale dagli attuali 307 euro a 317 euro sarebbe dunque un passo indietro, anche considerato che in Repubblica Ceca non sono state prese misure simili. Il minimo salariale non va visto solo come un dato riguardante coloro che lo percepiranno, ma va visto come termine di paragone per tutto l’ambiente economico in generale. “Il salario minimo è cresciuto negli ultimi tempi più della produttività, favorendo quindi la chiusura di numerose attività, specialmente nei settori del tessile, industria, sanità e mettendo a repentaglio l’agricoltura».

(Fonte TASR)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.