Commissione parlamentare finanze: luce verde a bozza bilancio statale 2018

L’esame della commissione parlamentare per le finanze e il bilancio si è concluso ieri e la bozza finale di bilancio preventivo per il 2018 è stata approvata definitivamente e sarà presentata all’aula a partire da martedì 5 dicembre per la discussione parlamentare. Nel documento preparato dal ministero delle Finanze si prevede una diminuzione nei prossimi tre anni sia del debito statale che del disavanzo e che nel 2020 sarà possibile chiudere in pareggio.

La commissione ha approvato gli obiettivi stabiliti dal governo che per il 2018 prevedono un obiettivo di disavanzo delle finanze pubbliche allo 0,83% del prodotto interno lordo (PIL), che dovrebbe scendere allo 0,1% del PIL nell’anno successivo. Nel 2020, come detto, la Slovacchia dovrebbe segnare il pareggio di bilancio. Per quanto riguarda il debito, il prossimo anno dovrebbe abbassarsi al 49,9% del PIL per calare ancora negli anni successivi e attestarsi a circa il 45% del PIL entro il 2020.

Nel documento di bilancio sono già contabilizzate tutte le operazioni considerate priorità dai partner della coalizione, tra le quali l’aumento del salario minimo, il sostegno ai lavoratori pendolari e gli aumenti delle indennità per il lavoro notturno e il lavoro durante i fine settimana e le feste.

Secondo gli analisti della Banca Nazionale (NBS) il progetto di bilancio preventivo triennale 2018-2020 mostra un allentamento dei propositi di consolidamento previsti dal programma governativo di stabilità, con differenze dello 0,3% del PIL nel 2018 e dello 0,1% nel 2019 che non è chiaro come saranno appianati. Inoltre, l’obiettivo a medio termine di un disavanzo strutturale dello 0,5% del PIL è stato posticipato dal 2018 al 2020.

(Red)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.