Radicova: a Bruxelles sosteniamo l’ipotesi di commissioni per le banche, non tasse

La Slovacchia assume che il piano ipotizzato dall’Unione Europea in cui si prevedono delle spese di commissione speciali da far pagare alle istituzioni finanziarie sia un mezzo lecito per il tentativo da parte dell’EU di calmierare gli effetti della crisi e sostenere così le forti spese dovute ad essa. E’ per questo motivo che la Slovacchia sostiene genericamente l’opzione in cui si affermi una tale politica comunitaria, ha dichiarato il Premier nella seduta parlamentare di ieri durante la discussione della prossima missione a Bruxelles alla Commissione per gli Affari Comunitari.

Un altro tema caldo a Bruxelles è quello della eventuale introduzione di tasse e dazi ad hoc per le banche. «In caso di applicazione di tasse la Slovacchia è incline a votare a sfavore, crediamo infatti che se ciò non venisse concertato su scala globale, le banche si riposizionerebbero su mercati in cui le loro attività e transazioni non sarebbero normalmente tassate e noi alla fine ci perderemmo su tutta la linea».

(Fonte TASR)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.