La Slovacchia aderisce alla Cooperazione di difesa europea PESCO

La Slovacchia è interessata ad aderire alla Cooperazione strutturata permanente alla difesa, nota come PESCO. Il consiglio dei ministri ha convenuto questa azione nella riunione di mercoledì. La cooperazione non dovrebbe portare alla creazione di un esercito europeo, ma piuttosto rafforzare la partnership tra i paesi partecipanti dell’UE. Secondo il Ministero degli Esteri slovacco, PESCO rappresenta un’opportunità per l’industria slovacca della difesa nel modernizzare i progetti. Al momento tuttavia il contributo della Slovacchia a questo progetto non è ancora noto.

Questo non significa dare il via a un esercito europeo, ha detto il sottosegretario agli Esteri Ivan Korcok, «perché nessuno vuole un esercito europeo. Intanto, non possiamo permettercelo, e poi, partecipando a questa cooperazione i diversi paesi non rinunciano alla loro sovranità nazionale nel settore della difesa». Korcok ha anche sottolineato che il coinvolgimento in PESCO non costerà alla Slovacchia un euro in più, perché tutte le spese saranno destinate alle Forze armate slovacche.

Il sottosegretario Korcok, che in questi mesi fa le veci del ministro Lajcak impegnato all’ONU, e il ministro della Difesa Peter Gajdos dovrebbero firmare l’adesione della Slovacchia al PESCO lunedì 13 novembre. La cooperazione strutturata permanente nel campo della difesa dovrebbe essere costituita entro la fine dell’anno.

(Red)


Foto EDA cc-by-sa

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.