Il Premier Radicova in visita al sito archeologico del castello di Bratislava

Ieri il Premier Slovacco Iveta Radicova ha visitato il sito archeologico situato nelle vicinanze del Castello di Bratislava, dove gli archeologi hanno rinvenuto nel periodo dal 2008 ad oggi un complesso unico di antiche architetture in pietra datate al primo secolo a.C. collegate all’abitazione dell’acropoli dell’oppidum celtico in cima alla collina che ora ospita il castello. La scoperta si è guadagnata una grande popolarità tra il pubblico soprattutto grazie alla scoperta di un tesoro in monete d’oro e argento in uno stabile di periodo romano identificato come scuderia invernale.

La Radicova è rimasta piacevolmente sorpresa dall’entità della scoperta archeologica: «Abbiamo trovato la nostra storia antica della quale nemmeno sospettavamo l’esistenza, il primo secolo avanti Cristo, un enorme oppidum che assieme ad altri nuclei abitativi occupava lo spazio da qui all’attuale sede del Governo». Allo stesso tempo ha fatto notare che se non fosse stato avviato un progetto per la creazione di garage sotterranei nell’area del castello, probabilmente il sito non sarebbe stato identificato.

La Radicova ha poi rassicurato gli archeologi in quanto ha intenzione di discutere coi membri del Governo e con il Presidente del Parlamento slovacco affinchè sia fatto il massimo per il prosieguo degli scavi archeologici, dato che le ricerche non sono ancora finite. «Come Primo Ministro slovacco posso dire che sarebbe un peccato scambiare tutto questo con garage sotterranei». Gli archeologi dicono che le scoperte di questo sito hanno superato tutte le aspettative. Secondo loro già ora si può parlare di scoperta unica che conferma l’importanza della collina su cui poggia il castello nella preistoria e nella storia antica ed attuale del passato Slovacco.

(Fonte Ufficio del Governo)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google