Il Ministero dell’interno sostituisce tutte le firme elettroniche

Dal 31 ottobre il Ministero dell’Interno è in grado di rilasciare nuovi certificati di firma elettronica più sicuri che possono essere concessi a tutti i possessori delle carte di identità elettroniche, disattivando al tempo stesso le vecchie firme. Gli uffici preposti hanno iniziato a informare via SMS tutti i titolari di eID con firma elettronica attiva che possono cambiarla con una più sicura a 3072 bit presso i Centri Clienti (Klientske centrum) del ministero sparsi sul territorio del paese (QUI tutti gli indirizzi e orari).

La mossa segue la recente scoperta che il software usato per le firme elettroniche non è sufficientemente sicuro e che le firme avrebbero potuto essere “rubate” dagli hacker.

Per la sostituzione, una operazione gratuita che prende pochi minuti, è necessario presentarsi personalmente con una carta d’identità con il chip, e in possesso dei codici di accesso BOK e KEP PIN. Intanto, tutti i certificati delle carte elettroniche rilasciate prima del 24 ottobre 2017 sono stati disattivati in data 31 ottobre 2017, e le firme elettroniche collegate non sono più valide. Parliamo di circa 100mila firme digitali, il 60% delle quali su Bratislava, secondo il ministero.

Nel complesso sono oltre 350.000 i soggetti che comunicano per via elettronica con il fisco slovacco (Amministrazione finanziaria), ma solo il 10% dei titolari usa effettivamente la firma elettronica. Il ministero informa che il ricambio completo delle firme digitali anche per chi ancora non ne ha fatto uso sarà effettuato nel giro di qualche settimana

(Red)


Immagine: BSlovacchia

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google