La Slovacchia turistica: il Castello di Topoľčianky

Da un piccolo edificio quadrato a forma di torre di appena 10 metri di lato esistente nel XIII secolo, che aveva l’entrata al primo piano con una scala rimovibile in legno, il castello di Topoľčianky (Zámok Topoľčianky) fu costruito in origine in stile tardo-gotico nel XV e XVI secolo, successivamente rinnovato in stile rinascimentale e barocco, e sono state infine aggiunte delle estensioni classicheggianti nel XIX secolo.

Il castello, che oggi ha le forme di una grande casa padronale classicista, si trova all’interno di un ampio e bellissimo giardino inglese con una tenuta di caccia e un casino di caccia risalente all’inizio del ‘900, circondato da statue in bronzo di cervi, daini e cinghiali in situazioni di caccia del noto scultore Alojz Štróbl.

Originariamente la struttura era il tipico castello gotico circondato da un fossato riempito d’acqua. All’inizio del XIX secolo l’allora proprietario, il conte Ján Keglevich, abbatté l’ala rinascimentale a sud e la sostituì con una costruzione classicista, che è considerata uno degli esempi più puri e più belli in Slovacchia di architettura in stile classicista.

Alla fine del XVIII secolo il castello fu utilizzato come residenza estiva della casa reale degli Asburgo. Dopo la prima guerra mondiale, dal 1923 al 1951 è stato tenuto a disposizione del presidente della Repubblica Cecoslovacca come residenza estiva. Tomáš Garrigue Masaryk, primo presidente della Cecoslovacchia, amava particolarmente passare del tempo e lavorare in questo luogo. Vi trascorse tutte le estati tra il 1923 e il 1933.

Continua a leggere sul sito turismoslovacchia.it

 


Foto Henri Tatar
zamok-topolcianky.sk

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.