Il 30 ottobre 1918 la Slovacchia si univa ufficialmente alla Cecoslovacchia

Il 30 ottobre 1918 la Slovacchia, con la firma di una dichiarazione e una cerimonia solenne nella città di Martin, si unì alla neonata Repubblica di Cecoslovacchia, creata a Praga due giorni prima, il 28 ottobre, mentre l’impero austro-ungarico si dissolveva a seguito della Prima guerra mondiale. La Cecoslovacchia indipendente nasceva come unione di Boemia, Moravia e Slovacchia con il riconoscimento di Francia, Gran Bretagna, Italia, Giappone, e USA.

L’evento rappresentò una occasione di grande emancipazione della Slovacchia, che da allora poté fondare le proprie istituzioni sociali, culturali ed educative di base, fino ad allora mancate, oltre che utilizzare la lingua slovacca, impossibilitata prima di allora dalle autorità ungheresi che governavano la nazione slovacca.

Incessante fu il lavoro diplomatico dei tre “fondatori della patria”: Tomaš Masaryk, dichiarato Presidente il successivo 14 novembre, Edvard Beneš, ministro degli Esteri e Milan Rastislav Štefánik, unico slovacco del trio, che fu nominato ministro della Guerra.

Štefánik tuttavia, morì in un incidente aereo pochi mesi dopo, il 4 maggio 1919. Tra le sue tante imprese Štefánik creò la Legione cecoslovacca in Italia, che sul fronte combatté gli austriaci insieme ai militari italiani e grazie alla quale ottenne dal governo italiano il riconoscimento al diritto di cechi e slovacchi a un loro Stato indipendente.

(Fonte Uè – la voce dell’Europa)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.